Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Compagnia Cavatappi

Del: 15/12/2006

Trasformare un neonato sito di e-commerce in uno dei casi di marketing dell’anno, portare alla ribalta nazionale un’azienda ubicata in un piccolo centro della Basilicata: sfide impossibili secondo alcuni. Non per tutti.
Ad accoglierle ci sono riusciti, e con successo, due piccoli imprenditori lucani, Giovanni Putignano, appassionato di informatica, e Francesco d’Imperio, desideroso di trovare nuovi canali di vendita alla sua società di import- export SCAI sas.

Un’avventura che ha inizio nel gennaio 2004, quando inaugurano il sito "Tradizioni del Sud", specializzato nella vendita di prodotti tipici e vini delle regioni meridionali.
In un anno l’attività dello store virtuale cresce del 250%, anche grazie a e-Bay, che diventa il canale principale di “Tradizioni del Sud” e raggiunge la quota del 90% nelle vendite al dettaglio.

Il successo inatteso porta i due imprenditori a puntare con maggiore forza sul web e a creare un sito tutto nuovo, dedicato alla vendita di prodotti tipici di tutte le regioni italiane.
Nasce così, nel giugno di quest’anno, la Compagnia dei Cavatappi, definita una delle best practice di marketing del 2006.

Merito di un’idea semplice ma innovativa: sfruttare la potenza dei blog e la loro capacità virale per diffondere su Internet la conoscenza del brand e delle sue attività.
Ogni blogger con un buon page rank, cioè abbastanza popolare, è infatti invitato a scrivere una recensione del sito di e-commerce, descrivendone le peculiarità e inserendo le due parole chiave (utili per l’indicizzazione nei motori di ricerca) “prodotti tipici” e “vendita di vini”.
Per ogni recensione ottenuta, la Compagnia si impegna a regalare un buono omaggio di venticinque euro in prodotti tipici, con tanto di certificato di appartenenza alla “Compagnia dei blogger”.

In poche settimane si sono così moltiplicati i blog che hanno recensito il sito, con commenti, critiche e giudizi disparati.
Una crescita che in queste settimane ha visto più di venti diari online partecipare all’iniziativa: da Tambu, che sul suo diario online segnala “qualche problema di encoding nel template”, pur elogiando la presenza di un semaforino, utilizzato per segnalare la quantità della merce in magazzino, a Diego, quindici anni, che decide di “sparare a zero” contro l’iniziativa, le recensioni sul web si moltiplicano di giorno in giorno.

“Il nostro è stato un esperimento- ammette Giovanni Putignano- che ha portato feed back positivi da ogni parte del mondo. Nessuna formula segreta: abbiamo voluto sfruttare la capacità del web di diffondere idee in maniera rapida e priva di costi, costruendo con i potenziali clienti un dialogo innovativo, basato sull’ascolto delle loro esigenze e sulla prova prodotto. Oggi siamo contattati dall’America all’Islanda, grazie al buon posizionamento delle parole chiave all’interno dei motori di ricerca e all’effetto virale del passaparola online”.

Un effetto contagioso che, grazie alla puntualità della consegna dei pacchi (in media due giorni) e ai prezzi contenuti è riuscita a trasformare l’iniziale curiosità degli utenti in alta fedeltà al sito e alle sue proposte.
Con effetti positivi sul bilancio dell’azienda, che chiuderà l’anno con un fatturato in ascesa, zero investimenti pubblicitari e nuovi obiettivi: consolidare la base clienti e accrescere il ventaglio dei prodotti disponibili e diventare il punto di riferimento online nella vendita di prodotti tipici.

                                                            Rossella Ivone

 
 

Business Video