Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Gara di notorietą: Totti, Rossi e Schumacher sul podio

Del: 31/01/2007



Gara di notorietà per i personaggi sportivi, in testa i v.i.p. di calcio e motori. Secondo una ricerca condotta da TNS Infratest su un campione rappresentativo della società italiana, il personaggio più famoso è Francesco Totti, seguito da Valentino Rossi e Michael Schumacher. Il riccioluto motociclista si aggiudica il primo posto anche nell’indice di bravura e di simpatia. Premiati per l’ironia, e non solo, anche Buffon e Cannavaro, i più disponibili a rilasciare interviste e a “prendersi un po’ in giro”. Rientrano, a fatica, al nono e decimo posto della top ten dei più simpatici anche Capirossi e Melandri.

Il podio della classifica di simpatia si ripete prendendo in considerazione un altro parametro: l’indice di fiducia in adv. Quarto posto, a sorpresa, per Gennaro Gattuso, uomo richiesto come testimonial per diversi spot: da “Life is now” allo sciopero della barba promosso in internet, è lui secondo il panel di riferimento uno degli uomini più “attendibili” dei messaggi pubblicitari.

Molti i calciatori che hanno beneficiato della loro presenza ai mondiali di calcio del 2006:
Materrazzi cresce di notorietà del + 22,7, rispetto al periodo antecedente la vittoria riportata dall’Italia ai mondiali di calcio, ma soprattutto rispetto al periodo antecedente la sua famosissima testata a Zidane. Seguono Toni e Camoranesi, ma c’è spazio anche per il coach, Marcello Lippi fermo in classifica al nono posto, dal momento che la sua fama, già alta per le precedenti performances, è aumentata dopo i mondiali di ben 8,8 punti.

La ricerca, presentata da Mimmo Ugliano, responsabile di N.O.I. ha mostrato anche come nel 2006 siano state le Olimpiadi di Torino a conquistare il massimo indice di notorietà, superando di circa 6 punti lo stesso campionato di calcio del mondo.
Molti i campioni dello sport che, pur avendo ottenuto nel 2006 risultati eccellenti, non sono rientrati nelle liste dei “magnifici 10”; tra gli assenti, soprattutto quelli che esercitano discipline non seguite da un pubblico molto vasto. Del resto, si sa, la fama non sempre va di pari passo con la bravura, anche se i veri agonisti si vedono in campo, lontano da gossip e televisione.

                                                               Serena Poerio

 
 

Business Video