Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Marketing territoriale

Del: 08/02/2007


A realizzarlo per primo è stato Riccione, ora ci prova Cleto, un piccolo comune in provincia di Cosenza.
Stiamo parlando di un innovativo progetto di marketing territoriale, che ha come scopo la creazione di sinergie tra amministrazioni locali e imprese, attraverso strumenti inconsueti, in grado di rimpinguare l’erario pubblico (spesso in passivo) delle prime e di garantire un forte ritorno di immagine alle seconde.

Come? Cambiando il nome delle città o degli edifici pubblici, che vengono “adottati” temporaneamente dalle imprese, le quali diventano sponsor degli immobili o dello stesso territorio comunale. A fare da apripista a questa trovata appunto la città romagnola, che nell’estate 2005 cambiò per tre mesi il suo nome in RicC1one per sponsorizzare la Citroen C1.
Un’operazione che coinvolse tutta la città, dalle piazze, ai sottopassi, al bar più importante di RicC1one, per l’occasione ribattezzato Cafè C1, con un’eco fortissima anche oltre i confini nazionali.

Diverso il caso di Cleto, 1378 abitanti, per lo più anziani, dove il sindaco, Amerigo Cuglietta, ha deciso di vendere come spazi pubblicitari scuole, asili e piazzette spinto da motivazioni di ordine pratico.
Qualche mese fa infatti sono stati dichiarati inagibili molti edifici comunali. Impossibile ristrutturarli, a causa di una decennale crisi delle casse locali e dell’assenza di interventi statali.
Unica soluzione, far sponsorizzare ad aziende attente a nuovi strumenti di comunicazione, la loro rimessa in sesto.
Una decisione che il coraggioso sindaco ha preso dopo mesi alla ricerca di soluzioni alternative, utili alla sopravvivenza dei beni comuni.
Così qualche settimana fa si è dichiarato disposto a cambiare il nome degli edifici con slogan e brand scelti da imprese che vorranno “adottarli”, pur di non lasciarli andare in degrado. Una presa di posizione avallata anche dall’ANCI, l’associazione nazionale comuni italiani, che nella Carta dei Servizi dei Piccoli Comuni ha dedicato ampio spazio alla collaborazione tra enti pubblici e privati, attraverso operazioni come questa.

La speranza di Cleto è ora che si facciano avanti manager e imprenditori “illuminati”, desiderosi di pubblicizzare i propri prodotti, mixando il puro advertising con una forte responsabilità sociale.

                                                                            Rossella Ivone

 
 

Business Video