Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Progetti di comunicazione responsabile da 0 a 100 anni

Del: 20/04/2007

Non è mai troppo tardi, ma…nemmeno troppo presto per formare le persone a essere o a diventare responsabili anche nelle semplici azioni quotidiane.
Si parla da anni di comunicazione sociale, di comunicazione responsabile e di comunicazione etica, da altrettanti anni si stanno investendo risorse, energie e denaro per sensibilizzare il pubblico ad orientare le proprie attività – personali e d’affari – verso una consapevolezza del “rispettiamo quanto ci circonda per rispettare noi stessi”.

Ogni giorno si apprende dai media o da canali di comunicazione informali che aziende, organizzazioni o semplici persone fisiche hanno implementato nelle loro realtà strategie di RSI; informazioni che consolidano l’importanza della “responsabilità” e di quanto ruota attorno ad essa.

Un esempio importante lo è la GlaxoSmithKline, azienda multinazionale del settore chimico-farmaceutico; Glaxo è una tra le prime aziende italiane a realizzare una serie di materiali in-formativi per educare, sensibilizzare e formare l’utente esterno…. anche il più piccolo.
Glaxo ha deciso di puntare sulle famiglie, dai bambini agli anziani, quale target più aperto, attento e curioso sul quale attivare azioni di sensibilizzazione sociale, ambientale, ecc...
Il progetto presentato un paio di anni fa da Glaxo è denominato “Leggere per Crescere”; gli obiettivi più significativi sono:
- Informare genitori, nonni e bambini (indirettamente) sui valori e sui benefici della lettura ad alta voce ai bambini in età prescolare. Questa pratica infatti favorisce lo sviluppo cognitivo e affettivo del bambino e il rafforzamento dei legami familiari.
- Ottenere l’interesse per le pubblicazioni per l’infanzia in generale e la capacità di scegliere le più adatte per i propri figli.
- Stimolare la partecipazione allo sviluppo del progetto nell’ambito della comunità di appartenenza.

Il progetto “Leggere per Crescere” è supportato da un team di esperti in varie discipline, tutte legate al mondo del sociale, dell’infanzia e della famiglia e per diffonderle realizza continuamente supporti digitali e cartacei per attirare l’attenzione verso i possibili stakeholder, molto esigenti e attenti alla realtà.
Quattro sono le caratteristiche principali del progetto:
- Il coinvolgimento delle istituzioni:
Consiste nella ricerca del patrocinio e della collaborazione delle istituzioni competenti per le politiche per l’infanzia e la famiglia e di quelle degli operatori/enti coinvolgibili.
- La territorialità e l’integrazione degli operatori:
Il progetto viene sviluppato in aree geografiche circoscritte e omogenee mediante il coinvolgimento e coordinamento simultaneo e integrato dei principali operatori che si occupano dei bambini da 0 a 6 anni (pediatri, educatrici di asili nido, insegnanti delle scuole dell’infanzia) o che hanno frequenti rapporti con le loro famiglie (farmacisti, bibliotecari, librai).
- Il coordinamento operativo:
Una Segreteria Centrale coordina il progetto nei vari territori in sintonia con l’autonomia delle realtà locali. Questa impostazione consente lo scambio continuo di esperienze, la raccolta dei dati su cui costruire la storia e l’evoluzione del progetto, lo studio e la realizzazione di sinergie.
- Il monitoraggio e la valutazione dei risultati:
I risultati del progetto sono valutati, mediante il monitoraggio sia delle esperienze sviluppate nei vari ambiti operativi (scuole, biblioteche), sia dei comportamenti delle famiglie.

Il progetto non comunica solo attraverso un giornalino periodico distribuito a tutti gli utenti-target, ma trova diffusione anche via internet. “Leggere per crescere” entra nella rete internet ed è a portata di tutti, grandi e piccoli, per informare sempre di più e più velocemente e per contribuire alla crescita intellettiva dei più giovani (www.leggerepercrescere.it ).


                                                            Edi Florian

                                        Responsabile Comunicazione di:
                                        Impresa Responsabile
                              info@impresaresponsabile.it
                                        BilancioSociale.it (www.bilanciosociale.it
                              info@bilanciosociale.it

 
 

Business Video