Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Al vie le R-evolution della Sommellerie Italiana

Del: 27/09/2007

Ha debuttato il 24 settembre ASPI, l’Associazione della Sommellerie Professionale Italiana, presentata alla stampa nella nuova sede di San Pellegrino a Milano.
Giuseppe Vaccarini, miglior sommelier del mondo 1978 e nome di spicco della sommellerie internazionale, è il Fondatore e il Presidente della neonata Associazione, che ha lo scopo di essere in Italia il punto di riferimento della più alta espressione della Sommellerie contemporanea.
Una evoluzione-rivoluzione quella della figura del Sommelier, la cui professionalità, in Italia, ancora troppo spesso viene lasciata all’improvvisazione e che oggi invece deve avere caratteristiche ben precise e titoli di studio riconosciuti.
Nel corso della conferenza stampa, Giuseppe Vaccarini ha infatti delineato i tratti distintivi del Sommelier contemporaneo; ecco cosa ci racconta in proposito:

Quali caratteristiche deve avere oggi un sommelier?
 
E’ da considerarsi sommelier professionista colui che opera nel settore dell’enogastronomia e della ristorazione di qualità per consigliare la clientela nella scelta delle bevande, ne assicura il servizio e, secondo il suo grado di responsabilità e d’esperienza, si occupa della gestione e della commercializzazione delle bevande, collabora con la direzione, contribuisce alla sua politica commerciale oltre a partecipare attivamente all’organizzazione, alla motivazione e alla
formazione del personale. Deve essere un professionista di alto livello, con una conoscenza completa non solo del vino ma anche di tutte le bevande che possono accompagnare un pasto. Dovrà quindi essere in grado di conoscere e interpretare bevande estremamente diffuse, dall’acqua, fino ai liquori, alle birre, agli infusi come tè e caffè.
Ma il Sommelier contemporaneo è anche un professionista completo, che deve avere voglia di
condividere la sua passione, saper rimanere “sobrio” negli atteggiamenti ed in tutti gli atti del
servizio e delle sue funzioni.

Come mai ha sentito l’esigenza di fondare una nuova associazione?

Perchè i sommelier professionisti italiani non si riconoscono nelle varie
associazioni di sommelier dove la maggioranza dei soci sono amatori. Ecco perché il "parterre de Roi" che compone il Consiglio direttivo dell’ASPI esprime in modo evidente la sua missione: essere in Italia il punto di riferimento della più alta espressione della Sommellerie contemporanea, con l’obiettivo di creare ed offrire opportunità reali di crescita e affermazione ai Sommeliers Professionisti, ovvero a chi ha conseguito l’attestato in seguito ad un curriculum scolastico riconosciuto ed esercita la professione del Sommelier come attività esclusiva o preminente. La crescita professionale della figura del sommelier sarà naturalmente la premessa per la promozione della cultura del vino, delle bevande e del cibo nei confronti del grande pubblico con il quale il sommelier contemporaneo ha un confronto quotidiano.

Quali sono gli obiettvi di ASPI?

Aspi nasce con lo scopo principale di valorizzare la professione del “vero” sommelier, promuoverne il riconoscimento, promuoverne la qualificazione professionale, nonché divulgare la cultura del vino e delle bevande di qualità.  La formazione assume pertanto un ruolo fondamentale: in quest’ottica, oltre alla creazione e implementazione di collaborazioni con le scuole, all’organizzazione di tirocini e all’organizzazione di concorsi, nasce la nuova Accademia della Sommellerie, con sede in Francia, a Bourg, in una delle zone viticole più importanti e più antiche del mondo. Questa esclusiva Università laureerà studenti di tutto il mondo, che riceveranno una formazione completa e di alto livello.


Ad affiancare ASPI nella sua missione, anche una serie di importanti aziende alimentari che per la loro attenzione alla diffusione della cultura del vino e della tavola, sono state scelte dallo stesso Vaccarini in qualità di Partner e Soci Sostenitori. Tra queste Antica Gelateria del Corso, attenta a supportare i nuovi fenomeni e le nuove tendenze della gastronomia e già impegnata con diversi sommelier nel proporre inediti abbinamenti tra vino e gelati di qualità; S.Pellegrino e Acqua Panna, le acque per eccellenza della ristorazione internazionale; Nespresso, che con la degustazione dei suoi Grand Cru, contribuisce ad introdurre la cultura del caffè nel mondo della sommellerie.


Per maggiori informazioni, www.aspi.sm oppure www.aspionline.it


                                                                   Gloria Gerosa

 
 

Business Video