Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Con la RSI un bel voto alla reputazione

Del: 09/11/2007


Anche le aziende sono sottoposte, ogni giorno, a valutazioni e revisioni come avviene tra i banchi di scuola.
In questo caso i valutatori non sono gli insegnanti, ma gli stakeholder che hanno instaurato un rapporto diretto con l’azienda.
Molti sono gli strumenti in ambito sociale oggetto di valutazione, ma lo strumento per eccellenza resta il bilancio sociale.
E’ lo strumento della RSI che permette il monitoraggio, la rendicontazione e la comunicazione della responsabilità che l’azienda e il suo personale ha verso la società e l’ambiente.
L’obiettivo principale del bilancio sociale è quello di rappresentare i valori e gli effetti che l’attività aziendale produce sull’ambiente e sugli stakeholder. Esso gioca un ruolo fondamentale verso gli interlocutori, che si concretizza con l’ottenimento del consenso e della legittimazione tipici della RSI.

Attenzione però, il bilancio sociale è uno strumento da maneggiare con cura, non si adotta perché lo dice il piano di marketing e comunicazione o perché è di moda.
Adottare il bilancio sociale non significa provvedere alla redazione del documento, ma iniziare un percorso che parte dal top-management dell’azienda e arriva fino ai collaboratori. E’ uno strumento strategico che contribuisce ad arricchire la reputazione, la visione e la gestione dell’organizzazione; una strategia scelta e decisa da chi ne definisce le linee guida.
Il fulcro del bilancio sociale è il sistema di relazioni che coinvolge tutta l’organizzazione; le informazioni e i contenuti devono essere chiari e spiegare bene cosa significa intraprendere un certo tipo di percorso.

Cosa significa avere una reputazione con la RSI?
Per mantenere una buona pagella nel tempo è necessario sviluppare il bilancio sociale di anno in anno, la formula una tantum non funziona, è priva di risultato.
Crearsi una buona immagine, un buon posizionamento e una buona reputazione dipende dalle attività di RSI sviluppate dall’azienda e approvate dagli stakeholder.
Redigere un bilancio sociale è un compito che richiede la partecipazione più o meno attiva di tutto il personale aziendale, e di conseguenza tutto il personale ne ricava vantaggi a medio e lungo termine.

  • L’impresa si apre al confronto con gli stakeholder e arricchisce la sua proposizione dei contenuti positivi legati alla responsabilità sociale e ambientale. Parliamo di immagine, posizionamento e reputazione.
  • L’impresa aumenta gli strumenti per fidelizzare i clienti e per acquisirne di nuovi, attraverso l’applicazione di principi collegati alla responsabilità.
  • L’impresa percepisce un miglior senso di appartenenza del personale interno, grazie alla presenza di parametri che vanno oltre l’aspetto puramente economico e… aumenta la fiducia nel management.
  •  L’azienda migliora le performance economiche e la sostenibilità del business nel lungo periodo.
  • L’azienda instaura durature relazioni con gli stakeholder, migliorando la legittimità e il consenso.

Essendo il bilancio sociale uno strumento volontario, vincolato solo in parte da alcuni parametri, è importante scegliere la sua implementazione in modo ponderato e continuativo e condivisibile….. altrimenti rimane uno strumento da guardare e non da usare.
Le aziende che hanno l’obiettivo di avere una bella pagella, sono invitate a valutare lo strumento “bilancio sociale” come parte integrante dell’attività ordinaria aziendale!
(fonte “Il Sole 24 ore”)

Edi Florian
“Immagine e Reputazione”
edi.florian@ediflorian.com
www.ediflorian.com

www.bilanciosociale.it

 
 

Business Video