Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Hotel: ’’reinvestire’’ sul web site per acquisire clienti

Del: 13/11/2007


Secondo Neilsen Net Rating sono più di 9milioni gli Italiani che navigano sui siti legati al mondo del turismo (dato relativo a gennaio 2007). Più della metà dei navigatori italiani (29miloni) utilizza i siti sul turismo per ricercare informazioni preliminari al viaggio, i mezzi di spostamento, la locazione ed altro. I siti a più alto tasso di crescita sono le agenzie viaggi virtuali (+39%) e le compagnie aeree (+27%).
Cosa importante, sui siti si cercano informazioni ma si fanno anche direttamente gli acquisti. L’e-commerce in Italia infatti deve al turismo il 50% delle sue transazioni in rete (oltre 1,5 miliardi di euro).

A beneficiare di quest’ "ondata positiva" non sono solo le compagnie di trasporto, i portali di promozione turistica, le agenzie viaggi online o i tour operator, ma anche le singole strutture alberghiere e dei singoli hotel.
Il “rapporto diretto” con gli utenti infatti permette non solo di creare relazioni one to one con la struttura preferita (o da far preferire), ma di instaurare con i clienti o potenziali tali una comunicazione diretta (mantenuta spesso con newsletter o rss) che spesso sfocia nell’agognato booking online. Quest’ultimo, avviene solo e soltanto se l’utente ha trovato risposta a tutte le sue domande, che è ciò a cui auspica tramite il sito internet e i suoi contenuti.

Purtroppo la maggior parte dei siti web delle strutture ricettive ha sofferto in passato di mancanza di comunicazione, accontentandosi di siti web istituzionali spesso con contenuti mediocri e autocelebrativi, rinunciando a due grandi opportunità: la fidelizzazione dei clienti tramite proposte turistiche e comunicazioni di più ampio respiro (come fanno le agenzie viaggi); l’abbattimento della filiera clientehotel che spesso passa per agenzie e intermediari, che rendono la comunicazione inefficace e molto costosa.

Aver un sito web usabile, ricco di foto e dettagli sulla struttura e sul suo contesto, con contenuti che vadano oltre la presentazione istituzionale della struttura ma con elementi di vero valore aggiunto per distinguersi dai competitor e per “coccolare” il cliente, è la carta che gli albergatori più accorti stanno giocando per fare decollare ulteriormente il loro business tramite la rete. Ripartendo dalle basi: un sito web che funzioni.
Secondo uno studio di pubblicato su eMarketer, il 68% dei direttori di hotel ha intenzione di cambiare drasticamente il modo di fare marketing spostando i budget dall’off-line all’on-line. Investendo principalmente in ciò che porta maggiori risultati.
Rendere il sito ottimizzabile e visibile nei motori di ricerca è la voce che occupa la maggior parte del budget, importante quanto l’instaurare relazioni efficaci di comunicazione con gli utenti e i clienti.

Andrea Cappello
Studio Cappello: Web Marketing
Search Advertising Blog: il mio blog

 
 

Business Video