Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Bibbia sms

Del: 15/11/2007

La Bibbia? Ora si "legge" sul telefonino. L’idea è di una società del Galles, la Teimlo, che ha da qualche mese dato vita a "Ecumen". Grazie a questo servizio e per sei sterline, si può scaricare sul proprio cellulare tutto il testo sacro. Un modo, afferma l’azienda di Monmouthshire, per invogliare i giovani alla lettura del libro dei libri: proprio l’anno scorso - per la prima volta da quando Gutenberg diede vita alla prima edizione stampata, nel 1455 - il primato di diffusione della Bibbia è stato infatti insinuato dal catalogo dell’Ikea.
Modici anche i prezzi per scaricare il testo: 9 euro.
"L’iniziativa, nel suo genere, presenta molti aspetti innovativi: fino ad oggi non c’erano infatti molte possibilità di ricevere contenuti religiosi direttamente sui telefoni cellulari" dicono dalla società. Innovativo anche il claim che accompagna la comunicazione di questo servizio, che viene presentato come "faith on the move", cioè "fede in movimento".

Immancabili le lodi da parte del clero: secondo il pastore della chiesa di Newport, Robbie Howells, questo sistema incentiverà la lettura dei testi: "molti giovani - sottolinea Howells - potranno leggere con estrema facilità le sacre scritture per trarre insegnamenti utili per l’intera giornata".
Il servizio di Ecumen però non finisce qui: ad arricchire l’offerta ci sono anche suonerie sacri, loghi con angeli e simboli religiosi tratti direttamente dalle Sacre Scritture.

La Bibbia "telefonica", l’unica che - come dicono dal quartier generale in Galles - "si può leggere al buio” e in qualunque posto ci si trovi, dà anche la possibilità di ricevere brevi messaggi tratti dal Vecchio Testamento. Erik Fok, responsabile marketing della Teimlo, “i giovani daranno risposte favorevoli al servizio".
La strategia dell’azienda non è da sottovalutare: il mercato religioso non è servito bene per quanto riguarda i prodotti religiosi e i margini di crescita sono alti, soprattutto perché - fa notare Fok - "ci sono giovani credenti che vogliono questo genere di cose sui loro cellulari. Ad oggi le organizzazioni cristiane sono ancora indietro in termini di comunicazioni e anche riguardo alle modalità tecnologiche. Questo nostro progetto vuole essere una grande opportunità”.

                                                                    Rossella Ivone

 

 
 

Business Video