Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Le 13 verità tragicomiche del marketing italiano

 versione inglese
Del: 24/02/2008

1. Il 72% dei marketing manager ha buona conoscenza del marketing virale ed è impegnato nella ricerca delle cure migliori per debellare la piaga.

2. Tra gli scacciapensieri preferiti dagli amministratori delegati, il marketing (28%) segue di poco il golf (31%).

3. Nel gioco delle associazioni, il termine “posizionamento” evoca pensieri erotici nel 41% del campione.

4. Ben l’87% dei responsabili marketing dichiara di praticare il “mistery shopping” ogni sabato, quando esce di casa senza sapere cosa comprerà.

5. Alla notizia che internet sta superando la tv, il 79% del campione di è detto d’accordo a pianificare programmi tv anche sul web, in fasce orarie protette in cui sia vietato navigare.

6. Il 38,5% dei marketing manager trova utili o molto utili i powerpoint delle agenzie pubblicitarie per addormentarsi la sera quando non c’è niente in tv.

7. Nel 68,9% dei casi, il marketing ha ottenuto dalle vendite precise garanzie sul fatto che gli agenti chiedano permesso quando entrano dai clienti, implementando il Permission Marketing di Seth Godin.

8. Rispetto alle problematiche del mobile marketing, il 55% dei responsabili marketing afferma di non avere, a breve, intenzione di spostarsi.

9. Per implementare il marketing tribale, il 64% del campione ha già prenotato vacanze avventura in Namibia, Kenia e Australia. (Di questi, il 28% si dichiara socio del WWF)

10. Alla frase di Ogilvy “Il consumatore non è una persona astratta, ma tua moglie” il 79% reagisce negativamente, denunciando la violazione della privacy.

11. Il branding, nel 71% dei casi è ritenuto appannaggio delle aziende di superalcolici.

12. Alla domanda “Cosa pensa del marketing della conversazione?” il 54% del campione risponde: “Perfetto per il target femminile”.

13. dati alla mano, l’orientamento italiano al marketing non convenzionale è dimostrato: ben il 70,4% dei responsabili (uomini)  non indossa mai la cravatta.

*riproduzione libera, da Massimo Carraro/Ohmymarketing/Monkey*

 
 

Business Video