Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Marketing in the word: giro del mondo del marketing alternative

Del: 28/02/2008

Il vino? si promuove con un romanzo. Lo ha fatto l’azienda salentina Leone de Castris con Cinque Rose di Negroamaro, che ha pensato di pubblicare un racconto per la promozione del proprio vino. Il Five Roses, il vino di cui racconta il romanzo, è stato il primo negroamaro imbottigliato in maniera industriale e prende il nome dalla contrada ‘cinque rose’, denominata così perchè i conti Leone de Castris avevano sempre cinque figli. Il nome fu cambiato in ‘five rose’ da un americano che volle esportarlo negli Usa. E che ora ha ispirato un libro, fulcro dell’iniziativa della casa pugliese.

Potenza della community: l’azienda alimentare Aia, per sviluppare un rapporto forte con gli utenti della Rete, ha dato vita alla community , Carne al fuoco dedicata non solo ai propri consumatori, ma a tutti gli appassionati del barbecue. L’idea è piaciuta così tanto agli utenti del web e la community è diventata così autorevole, che Aia ha trasformato in un brand il nome della stessa. E’ nato così il marchio Carne al fuoco, che comprende tipi di carne ideali per la cottura sulla brace. L’aspetto curioso è che questo gruppo di persone che si sono ritrovate online ha davvero catturato attenzioni e simpatie da ogni fronte. La capacità dell’azienda è stata quella di intercettarne la formazione e di blindarne la formazione, con la proposta dei propri prodotti.

Valda, la pastiglia si reinventa: per rilanciare la propria immagine e colpire un target di utenti evoluti e capaci di influenzare altri consumatori, le pastiglie Valda hanno realizzato una campagna di marketing online molto forte. A cominciare dal coinvolgimento dei bloggers. Valda ha infatti inviato una mail ad alcuni selezionati possessori di diari online, con la possibilità di ricevere un omaggio gratuito di pastiglie. In cambio questi potevano scegliere se raccontare o meno la loro esperienza con le caramelle (buona o cattiva). Il risultato è stato una diffusione virale di consigli e pareri . L’operazione ha poi coinvolto anche i semplici utenti della Rete, grazie a concorsi e iniziative sul sito Valda.it.

La grande distribuzione fa affari: in Giappone per la prima volta un retailer è diventato anche banca. E’ il gruppo Aeon (è il primo distributore nipponico, con 29 miliardi di euro di fatturato nel 2006). Nel mese di ottobre sono state aperte quattro filiali di Aeon Bank in altrettanti ipermercati . L’obiettivo è arrivare a 90 filiali in due anni e, grazie all’accordo con operatori finanziari tradizionali, raggiungere i 2.000 bancomat.

                                                                        Rossella Ivone

 
 

Business Video