Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Pasqua, quanto ci costi! La sorpresa… non è nell’uovo

 versione inglese
Del: 13/03/2008

La prima sorpresa delle uova di Pasqua? Non si trova all’interno, ma ...sul cartellino del prezzo. 
Quest’anno è infatti è aumentato del 19%. A sostenerlo la Federconsumatori, che  ha svolto un monitoraggio sulle uova di cioccolato. Scoprendo l’amara sorpresa.  Se nel 2007 un uovo piccolo di marca costava infatti 5,90 euro, quest’anno costa 7,10 euro. Un aumento del 20,3%. Se si opta per uno di 220 grammi - sempre di marca - quest’anno si pagano 9,80 euro, a differenza dei 8,29 euro dello scorso anno. La colpa,  spiega Federconsumatori, è da imputare ai recenti rincari del latte.


E a volare più alto è anche il prezzo della tradizionale colomba di Pasqua, che quest’anno costa mediamente 5,30 euro rispetto ai  4,80 euro del 2007. Secondo il Codacons, che ha condotto un’indagine nelle principali città italiane, gli incrementi si registrano anche per la carne: per l’agnello il prezzo è salito a 13,05 euro al kg, rispetto al precedente 12,20 euro: l’aumento registrato è  del 7%.  La stima è di Assocarni, che addebita il rialzo all’andamento dei costi dei cereali, dell’energia, del gasolio, dei trasporti, tutte voci che incidono pesantemente sull’attività degli allevatori.
 
Ma quanto peserà sulle tasche degli italiani la Pasqua? Il calcolo è presto fatto.

"La spesa per il pranzo di Pasqua si aggirerà attorno ai 175 euro a famiglia - afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi - e come quantità gli acquisti alimentari saranno in linea con quelli dello scorso anno. Tuttavia, a causa degli aumenti, per il pranzo pasquale ogni famiglia spenderà circa 15 euro in più’ rispetto al 2007".

Anche per la Pasqua 2008 ogni famiglia italiana acquisterà in media 5 uova di Pasqua e 3 colombe.
Per evitare, oltre ai rincari,  altre spiacevoli sorprese, le associazioni di consumatori consigliano di fare attenzione alla data di scadenza dei prodotti, agli ingredienti utilizzati, ai valori nutrizionali e alla necessaria presenza del marchio CE sulle sorprese all’interno delle uova.

Rossella Ivone

 
 

Business Video