Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

La pubblicità pesca dalla politica

Del: 01/04/2008


I contenuti dell’ultima campagna elettorale diventano il mezzo di una campagna pubblicitaria per la promozione del marchio di alcune case automobilistiche.
Il volto del titolare della concessionaria “Aquilano Automobili” compare su grossi manifesti colorati, affissi qua e là nella città di Foggia, dove c’è fermento anche per la competizione elettorale per la guida dell’Ente Provincia. Accanto alla gigantografia di Matteo Aquilano, alcuni messaggi dalla forte connotazione politica: “Più sicurezza per tutti”, “Maggiore attenzione per le donne”, “Più vantaggi per i giovani”, “Più spazio alla famiglia”, “Più efficienza sul lavoro”, “Più valore alle tradizioni”. Sotto il testo, un simbolo grafico, che ricalca quello dei partiti e delle coalizioni di riferimento, in cui in realtà c’è il logo della concessionaria. Infine lo slogan, unico per tutti i messaggi: “Mettiamo in moto la Capitanata”.

Ogni messaggio, di chiara estrazione politica, si accosta al tipo di auto che si intende promuovere ed al target a cui è destinata la campagna.
Quando si parla di più sicurezza per tutti, per fare un esempio, si propone in realtà un’auto stabile ed efficiente; quando si chiede maggiore attenzione per le donne, si intende parlare di un’auto destinata soprattutto a clienti di sesso femminile, e così via quando ci si rivolge ai più giovani o alle famiglie. Per ogni messaggio c’è una macchina di riferimento, così come in politica ogni slogan è indirizzato ad un determinato target di elettori.

Ideata dall’Agenzia HGV, azienda consorziata Oltrelinea, la campagna pubblicitaria, dal tema: “Spot&Rispot, il caso Aquilano”, si appropria spudoratamente dei principali argomenti dell’ultima tornata elettorale, astraendo e ricontestualizzandone i messaggi, in una sorta di stravolgimento del significato ad uso e consumo del mercato.

“Con questa iniziativa – spiega Nicolangelo De Bellis, titolare dell’Agenzia Hgv – oltre a soddisfare le esigenze del cliente, che ci chiedeva un tipo di messaggio aggressivo ed ironico allo stesso tempo, abbiamo voluto dimostrare come i contenuti di quest’ultima campagna elettorale, un po’ generici ed un po’ simili tra loro a causa della confusa situazione politica generale, potessero essere facilmente adattabili alla promozione di un prodotto di largo consumo come l’automobile che, a differenza del prodotto elettorale, ha forse una possibilità in più di mantenere una promessa”.

 
 

Business Video