Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Indimenticabile festa per i 100 anni neroazzurri

Del: 04/04/2008


Cento anni si compiono una volta sola e per questo vanno celebrati nel migliore dei modi. Soprattutto se sono anni come quelli vissuti dall’Inter. Anni intrisi di passione, rabbia, dolore, gioia ed entusiasmo. La famiglia Moratti, la città di Milano, i tifosi e l’intera società non si sono lasciati sfuggire l’occasione e per un week-end hanno ripercorso tutte le emozioni provate nella lunga storia della squadra con un intenso calendario di attività ed eventi speciali. Oltre alla grande festa celebrata allo stadio di San Siro, dove i giocatori hanno indossato una nuova maglia rivisitata da Nike in occasione dell’anniversario, e la partita dei Grandi dell’Inter, è stato aperto il Villaggio Inter dedicato ai bambini nello spazio Arena e nel Duomo di Milano è stata celebrata una messa. Il fotografo Oliviero Toscani ha curato il volume speciale "Inter 100 anni di emozioni", mentre Gabriele Salvatores ha realizzato un film per testimoniare l’attività di volontariato di Intercampus che coinvolge oltre 10.000 bambini nel mondo. Infine, per suggellare il compleanno in “famiglia”si è tenuta una cena di gala a Palazzo Reale.

L’8 marzo, già prima dell’incontro con la Reggina (conclusosi poi 2-0) 60.000 tifosi traboccavano di gioia e si preparavano a celebrare al meglio il centenario, la curva nord omaggiava la squadra con una grande maglia nerazzurra contraddistinta dal numero 100 e in campo sfilavano 825 bambini in divisa interista, stesso numero di atleti che hanno fatto parte dell’intera storia dell’Inter. Ma la vera festa doveva ancora arrivare. Dopo la partita una sfilata di campioni, tra calciatori e allenatori, che hanno segnato la storia dell’Inter ha sfilato sul Prato del Meazza tra gli altri Roberto Baggio, Eugenio Bersellini, Bruno Bolchi, Sergio Brighenti, Ivano Bordon, Giuseppe Bergomi, Nazareno Canuti, Domenico Caso, Youri Djorkaeff Riccardo Ferri, Jurgen Klinsmann Giovanni Trapattoni, Ivan Zamorano e Walter Zenga. Poi, grande emozione con l’intervento di uno storico tifoso d’eccezione come Adriano Celentano. Il cantante ha omaggiato la squadra interpretando la sua celebre “Ragazzo della via Gluck” e alcuni altri successi, scaldando tutti i presenti compreso Massimo Moratti che insieme a lui ha intonato “Sei rimasta sola”. Giochi di luce azzurri hanno poi accompagnato l’entrata in campo di 35 bandiere diverse a rappresentare i paesi di provenienza degli atleti che hanno dato il loro contributo alla storia della squadra. Una giovane coppia, arrivata appositamente da Pechino per sposarsi il giorno dell’anniversario dell’Inter, è stata accolta dai tifosi con applausi mentre venivano proiettati due videomessaggi di Joseph Blatter, Michel Platini e Diego Armando Maradona.

E ancora festa in piazza Duomo dove 3.000 persone si sono riversate per seguire il presidente Moratti nel taglio di una gigantesca torta, ovviamente nero azzurra, del peso di 800 kg, lunga 10 metri interamente decorata con strisce di crema al cioccolato e di glassa azzurra, con sopra i 100 palloncini volati via uno dopo l’altro. E mentre la banda comunale intonava “Tanti auguri a te” e i tifosi inneggiavano cori da stadio il presidente dell’Inter ha stappato una bottiglia di champagne e i dirigenti nerazzurri hanno distribuito il dolce ai tifosi.

Domenica sera festa della Società. Questa volta nella Sala delle Cariatidi di Palazzo Reale dove, in occasione della cena di gala, Massimo Moratti ha accolto 600 invitati tra calciatori, ex calciatori e dirigenti con le rispettive compagne e mogli. Menù della serata: antipasto toscano, risotto allo zafferano, scaloppine con patate e dolce pasquale.
Un bel modo per chiuderei primi cento anni di vita e iniziare un nuovo lo di successi.
Buon compleanno Inter!

Marco Ferri

 
 

Business Video