Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Casalinghe appassionate...di web

Del: 04/07/2008


Casalinga di Voghera addio: il prototipo tanto in voga fino a qualche anno va in soffitto. Merito della Rete. Lo conferma una ricerca condotta dall’Associazione Donneuropee-Federcasalinghe, Esperya.com e da La Feltrinelli.it. Il 31,7% delle donne, secondo i dati dello studio, usa regolarmente il web per le proprie attività e in gran parte per interessi personali. Una donna su tre naviga dunque su Internet, mentre fino al 2006 la percentuale si fermava al 29%. In crescita costante è poi il fenomeno degli acquisti online da parte delle donne: nel 2006 si attestavano al 3,8%, ma negli ultimi due anni si è arrivati al 12,1%, con una crescita percentuale del 218,4%.

Sempre secondo la ricerca, per l’85% delle navigatrici l’accesso alla Rete è legato alla vita sociale: le donne si collegano al web per mandare e ricevere email (72,6%), ricerca di informazioni (58,9%), apprendimento (53,2%), ricerca di viaggi (43,3%), leggere giornali (39,3%). Le più attive sono le giovanissime tra i 18 e 20 anni (73,3%); seguono le 15-17enni (72,2%), le 20-24enni (69,8%) e le 25-34enni (53,6%).

Il trend che emerge è comunque la forte ascesa degli acquisti via web effettuati dal gentil sesso. Solo lo scorso anno in Italia sono stati eseguiti circa 23 milioni di ordini online, con un valore stimato di 4,868 miliardi di euro e del 22,7% di italiani (4milioni 331mila persone) che ha utilizzato Internet per gli le donne sono cresciute in maniera esponenziale. A farla da padroni come sempre due settori, turismo (48,7%) e tempo libero (15,4%).

La carta di credito rimane lo strumento di pagamento preferito per gli acquisti online con circa il 43% degli intervistati, anche se è in aumento il pagamento alla consegna (30%, rispetto al 24% dello scorso anno). Tra i motivi della sfiducia, la preferenza ad acquistare di persona (52,3%), l’assenza di bisogno (43,8%), i problemi di sicurezza legati alla carta di credito (23,1%), la mancanza di fiducia (14,8%).

Rossella Ivone

 
 

Business Video