Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Multitasking Manager

Del: 22/07/2008

Sono il Factotum della città!!! … cantava figaro in una celebre opera di Rossini (n.d.r.: il Barbiere di Siviglia)

La figura del Manager di oggi è senza dubbio complessa: ad una prima lettura appare che chi dirige un gruppo di persone, un progetto, un’azienda sia “nato per farlo”; in realtà la presa di coscienza delle doti manageriali può essere frutto di un percorso formativo ed esperienziale che porta gradualmente ad assumere responsabilità ed autonomia.

Oggi il Manager si muove per definizione in uno scenario complesso: il mercato è veloce, le necessità dei clienti spesso mutano in corso d’opera, la visione del mercato è ampia (in alcuni casi globale), le risorse a disposizione sono scarse, il ritmo delle attività è sincopato.
Un buon manager deve saper riconoscere i propri “talenti” gestionali e nello stesso tempo essere in grado di far emergere quelli dei suoi collaboratori; in altre parole deve essere un visionario, un trascinatore, in grado di risolvere problemi ma anche prendere decisioni, deve sapere ascoltare e comunicare, motivare e stimolare, rispondere in modo rapido ed efficace a qualsiasi sollecitazione esterna senza seminare nuove domande e dubbi: “essere multitasking”, come si usa affermare. Ma cosa vorrà dire multitasking?

Nel linguaggio informatico, un sistema operativo multitasking permette di eseguire più programmi contemporaneamente: se ad esempio viene chiesto al sistema di eseguire contemporaneamente due processi A e B, si eseguirà per qualche istante il processo A, poi per qualche istante il processo B, poi si tornerà ad eseguire il processo A e così via. Il passaggio dal processo A al processo B e viceversa viene definito "cambio di contesto" (context switch).

Per saperne di più abbiamo incontrato l’Arch. Gerardo SannellaAssociate Director di CHAPMAN TAYLOR ARCHITETTI studio di architettura con casa madre a Londra e sede italiana a Milano.

Quanto è cambiata la figura del Manager negli ultimi anni?
Per me la figura del manager è cambiata tanto quanto lo stesso mondo lavorativo: in modo impressionante. La multimedialità degli approcci e degli “attacchi” da parte del cliente, hanno trasformato geneticamente il manager che deve essere un ginnasta della mente, delle gambe, delle braccia e della voce. Un uomo “ragno”, capace di saltare da un orbita ad un’altra senza dimenticare il percorso complesso ed erratico delle sue azioni, dei suoi ragionamenti e delle sue responsabilità.
Il Manager semina continuamente sul suo percorso mille “post-it” mentali che deve poter ritrovare immediatamente. Quindi guai a chi perde la concentrazione e rimuove anche solo uno dei suoi “post-it”! Il Manager prima ancora di organizzare i propri collaboratori è chiamato ad avere la lucidità del regista che dirige le proprie azioni e i propri pensieri.

Quali sono le “competenze chiave” del Manager oggi, quelle che deve avere per poter “governare” i processi?
Competenza chiave è la concentrazione, chi non è concentrato, per una forma di resistenza fisiologica dell’organismo, rimuoverà le azioni che è chiamato a fare.
La velocità di dare risposte efficaci e semplici rappresenta un’altra fondamentale risorsa per il manager che riesce a snellire processi altrimenti tortuosi.
In ultimo la capacità di saper trasferire a colleghi e collaboratori attività responsabilizzandoli e rendendo più efficaci i risultati.

Come un Manager può imparare ad essere “multitasking”?
Nella mia attività di architetto c’è poca sistematicità ma c’è sempre la volontà di ottimizzare e semplificare i processi. Si può essere manager di tipo “sistematico” ma nella mia esperienza personale la velocità, la flessibilità e l’energia fisica ed emotiva determinano un approccio più “creativo”, che di per sé è “multitasking”.
Si impara dalle esperienze passate a semplificare e a dare un ritmo alle proprie attività, perché anche se disordinate producano una musica che tenga assieme tutte le note.

Giovanni Volpe
Amministratore Unico di COMITES srl
volpe@comites.mi.it
www.comites.mi.it

 
 

Business Video