Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Bicchierini da gustare

Del: 05/08/2008


Ricette divertenti, facili e stuzzicanti, custodite all’interno di bicchieri di ogni foggia e dimensione. È una delle ultime novità nel mondo della cucina, nata dalla fantasia di Josè Maréchal, chef del Café Noir di Parigi, che ha recentemente pubblicato per i tipi di Guido Tommasi Editore un libro dal titolo “Bicchieri golosi”. Se non riuscite a trattenere la vostra fantasia in cucina, se siete incorreggibili curiosi alla ricerca di ricette semplici e allettanti che stupiscano i vostri ospiti, se desiderate avvicinarvi alla creatività del topolino francese del film Disney/PIXAR Ratatouille, allora seguite l’immaginazione di Josè Maréchal e il gusto dei suoi bicchieri.


Non più utile solo per bere, immaginate piuttosto le forme di un normale bicchiere imprigionare un cuore saporito che vi farà innamorare al primo assaggio. Non sono né la forma né le dimensioni a catturare la vostra attenzione, ciò che vi stupirà è l’amalgama di profumi e sapori custodito da pareti di cristallo, vetro o plastica. Non si tratta di vini pregiati o liquori ricercati, la verità è che potreste trovarvi immersi nel regno di Maréchal di fronte ad un “bicchiere esotico” colmo di caviale alle zucchine e crema di parmigiano.

Lasciate che la vostra bocca assorba la delicatezza della salsa bianca speziata da un pizzico di pepe nero appena macinato, assaporate la fragranza del caviale di zucchine, e infine stupitevi di quanto sia facile preparare questa ricetta. Per proseguire gli assaggi, niente di meglio di un calice mignon, scrigno per gorgonzola e bacon. Lo chef assicura che per prepararlo bastano quindici minuti e un po’ di fantasia, e il risultato vi entusiasmerà: la crema al gorgonzola vi darà quella scarica forte e decisa a cui farà da eco il gusto croccante del bacon leggermente rosolato. Le possibilità di sbizzarrirsi sono pressoché infinite e non servono ingredienti costosi e ricercati. La maggior parte delle volte è necessaria solamente un po’ di creatività. Il destino di alcuni cubetti di agnello, che potete facilmente recuperare da un cosciotto avanzato la sera prima, è riempire un piccolo bicchiere ricoperto da una leggera colata di crema al rafano, condita con una punta di menta. Il regno di Maréchal sembra senza confini, e in una ricetta chic le capesante si legano perfettamente ad un paio di boudin noir (salsicce simili al sanguinaccio) e a spicchi di mela verde conditi con granelli del saporito sale atlantico di Guérande. Creazioni che legano cucine diverse, sperimentano connubi particolari, ma scrupolose quando si tratta di reinterpretare la cucina tipica francese; ed ecco allora che preparando o assaggiando la ricetta del Mini croque-monsieur in terrina vi sembrerà di stare comodamente seduti all’ombra della Tour Eiffel. Strati di pane tostato e prosciutto cotto inframmezzati da una semplice e squisita béchamel, il tutto pigiato delicatamente in un piccolissimo tegame di vetro. Un croque da mangiare con il cucchiaino, e guai a chiamarlo toast…


Se siete dei veri golosi e vi state chiedendo se è tutto salato nel mondo di Maréchal, sappiate che anche le fantasie e i vizi più “dolci” trovano largo spazio nei suoi bicchieri. Che ne dite di un Calice di fragole al mascarpone? E di un Irish coffee choc? Oppure potreste coronare il vostro viaggio nel reame dello chef con una Delizia del Cafè Noir o una Charlotte al cioccolato, in cui fragranti savoiardi sorvegliano come fieri guardiani una soffice mousse al cioccolato; in un trionfo di sapori che lasceranno nei vostri palati un segno indelebile. La creatività è l’ingrediente fondamentale nella cucina di Maréchal, e per toccarla con mano avete due alternative: recarvi direttamente nel suo regno al Café Noir di Parigi, o scatenare la vostra fantasia e preparare bicchierini golosi emulando per un attimo le gesta di uno fra i più famosi chef di Francia.

Marco Crosetto
Foto di Richard Boutin
tratto da What’s Up magazine 21 – maggio 2008

 
 

Business Video