Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Premio FamigliaLavoro, conciliare conviene

Del: 03/10/2008

Viene presentato oggi, nel contesto di Milano Ottagono, il Premio FamigliaLavoro. Il concorso fa parte del più ampio progetto FamigliaLavoro promosso da Regione Lombardia – Assessorato Famiglia e Solidarietà Sociale e Altis – Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Il concorso, alla sua prima edizione, ha l’obiettivo di valorizzare e mettere in luce le migliori esperienze e progetti in tema di valorizzazione del personale e conciliazione vita lavorativa e vita familiare nelle imprese lombarde e intende puntare il dito su uno dei temi più attuali, a livello internazionale, della responsabilità sociale d’impresa. La conciliazione famiglia e lavoro, per le sue implicazioni di carattere economico, politico e sociale, è il terreno su cui in futuro si giocherà la competitività delle aziende: ruolo chiave di attrazione e sviluppo dei talenti migliori, attenti non soltanto alle possibilità di carriera, ma anche alla creazione di un benessere familiare e di un clima aziendale fecondo. Nasce così la necessità di progettare e implementare misure di conciliazione, attivando iniziative e servizi ad hoc nelle imprese e sul territorio.

L’incontro “FamigliaLavoro. Conciliare conviene” è l’occasione per affrontare il tema con esponenti della pubblica amministrazione, ricerca e impresa.
Intervengono:

  • Caterina Perazzo – Direttore Vicario Unità Organizzativa Non Profit e Innovazione, DG Famiglia e Solidarietà Sociale di Regione Lombardia, che presenterà l’impegno della Regione nel progetto;
  • Matteo Pedrini – Research Fellow in Altis - Alta Scuola Impresa e Società, Università Cattolica, che contestualizzerà il tema della conciliazione famiglia-lavoro come leva di Responsabilità Sociale d’Impresa.
  • Marisa Montegiove – Vice Presidente Manageritalia Milano e Responsabile Gruppo Donne Manageritalia, che esporrà il punto di vista del manager e le problematiche e sviluppi futuri della conciliazione in azienda.
  • Sara Annoni – project manager in Altis, Università Cattolica, che presenterà il concorso aperto alle imprese lombarde: finalità, modalità di partecipazione, bando di concorso, obiettivi e sviluppi futuri.
  • Si parlerà poi di best practice: esperienze e progetti di conciliazione in azienda. Verrà presentato il caso “Edison per te”, ne parlano: Andrea Peduto – Human Resources Organization Development Manager Edison e Alberto Perfumo – Amministratore Delegato Eudaimon, società di consulenza specializzata in progetti di work life bilance in azienda.

Il Premio FamigliaLavoro ha una finalità: valorizzare le realtà imprenditoriali lombarde che si sono distinte per aver ideato e attuato progetti di valorizzazione del personale e conciliazione vita familiare e vita lavorativa; coinvolgere le imprese interessate in un percorso formativo di approfondimento di queste tematiche; accompagnarle in un processo di crescita verso una progettualità più consapevole e di alto livello, partendo dai progetti in fieri; incentivare pratiche e politiche di conciliazione famiglia – lavoro in Lombardia. Possono partecipare, presentando i loro progetti di valorizzazione del personale e conciliazione famiglia-lavoro, imprese piccole, medie, grandi e multinazionali che abbiano sede in Lombardia. I progetti presentati devono essere già stati attuati in azienda o a un livello di avanzamento tale, da permettere di valutarne l’innovatività, l’efficacia e i ritorni.

La partecipazione al concorso è gratuita. La documentazione è scaricabile dal sito: www.unicatt.it/altis Le imprese partecipanti avranno la possibilità di entrare a far parte di un gruppo di aziende pilota sulla conciliazione famiglia-lavoro in Lombardia e ai vincitori sarà offerto un percorso di audit e formativo in azienda. I progetti vincitori otterranno ampia visibilità e saranno trattati come case history nel Quaderno di Ricerca “FamigliaLavoro in Lombardia”.

Al progetto sta collaborando una fitta rete di centri di ricerca, istituzioni e professionisti, che via via si va ampliando, in particolare: Asag – Alta Scuola di Psicologia Agostino Gemelli, Università Cattolica e il Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, oltre a: Il Sole 24ORE, Business People, Terzo Settore-Il Sole 24ORE, MyMarketing.net, Csr Manager Network, le associazioni di categoria delle diverse province lombarde, oltre a un gruppo di esperti e professionisti del settore, come Equalitas, Eudaimon, Best Nest.

«È chiaro che il mondo del lavoro negli ultimi 20 anni è mutato - spiega Mario Molteni, Direttore di Altis - per esempio è cambiata sensibilmente la percentuale di donne che lavorano» con conseguenti difficoltà legate alla gestione di familiari a carico o ineguale distribuzione del lavoro domestico tra i generi.
«La qualità della conciliazione famiglia-lavoro – aggiunge il professor Molteni – è, dunque, una dimensione della responsabilità sociale che ha degli effetti sulla società importanti, per esempio sul tasso di natalità del Paese».
Da qui la scelta di sviluppare questo aspetto in modo concreto.
«Punto di forza del progetto è, da una parte, la cooperazione tra soggetti universitari che hanno competenze diverse (Altis, dalla parte delle imprese, Asag e il Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla Famiglia, orientati allo studio di tematiche familiari). Dall’altra, la collaborazione tra università e Regione Lombardia, un connubio tra innovazione, ricerca e welfare, ai fini di creare le condizioni necessarie per incentivare una politica che sia sempre più al servizio del benessere del lavoratore e della famiglia».

 
 

Business Video