Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Il Mipcom di Cannes mette gli occhi a mandorla

Del: 15/10/2008

La prima giornata del Mipcom a Cannes non rinnega la sua consolidata tradizione, migliaia di addetti ai lavori del settore audiovisivo mondiale affollano le strade di Cannes intorno al Palais des Festival. E’ sempre un’esperienza unica per un italiano calarsi in mezzo a questo crogiuolo di etnie dove nessuno è risparmiato e tutti si mescolano in un mash-up culturale da fare invidia alla grande mela.
Il Mipcom 2008, l’evento di assoluto riferimento per il mondo della produzione audiovisiva analogica e digitale si apre all’insegna del mondo orientale. Paul Johnson, Direttore di Reed Midem, la società organizzatrice del Mipcom, ha subito evidenziato l’aumento considerevole della presenza dei Paesi orientali, e sopratutto di new entry come Turchia, Russia, India e Cina. “Tra i partecipanti, ci sono alcuni Paesi a forte crescita ed è proprio da lì che arriverà il denaro - ha commentato Johnson - Alcuni partecipanti vengono da regioni vicine al Medio Oriente, in particolare i paesi del Golfo, e gestiscono fondi di investimento di almeno 900 miliardi di euro. E’ evidente che non tutti saranno indirizzati all’industria dell’entertainment, ma una parte importante sicuramente sì. La Cina è già di fatto il principale mercato dell’industria del settore audiovisivo mondiale grazie alla moltiplicazione per dieci dei canali televisivi avvenuta senza sosta negli ultimi cinque anni”.
Fortissima la presenza del mercato emergente di Bollywood la concorrente indiana della famosissima Hollywood che incredibilmente comincia a segnare il passo. Tutto ciò è stato accompagnato dall’eco del clamoroso abbandono degli Studios Americani di Stieven Spielberg che recentemente ha deciso di abbandonare la Paramount Pictures per dare vita a una società in India con Reliance Ada Group. Notevole il livello raggiunto dalle produzioni orientali in genere che al di la’ di connotati somatici molto caratteristici, nelle narrazioni e negli effetti speciali non hanno piu’ niente da invidiare alle produzione Hollywodiane.
Anche in termini di Buying grande predominio dei mercati dell’est europeo dove nuove e imponenti fasce di popolazione accedono alla televisione sopratutto grazie alla fruizione via web. E’ proprio sui contenuti pensati per il web che inizia ad accendersi pesantemente l’attenzione degli operatori economici presenti al Mipcom, segno tangibile, anche qui a Cannes, della progressiva ed inarrestabile emorragia di ascolti (attivi) della tv tradizionale.

 

Michele Ficara Manganelli
Presidente Assodigitale

 
 

Business Video