Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Street Marketing

Del: 07/11/2008

 Ecco quattro interessanti campagne di street marketing che arrivano dall’estero.

La prima viene dalla Bulgaria: per promuovere il lancio di una nuova marca di abbigliamento intimo, Eggo, l’agenzia Noble Graphics Creative Studio ha avuto l’idea di ingaggiare un …“esibizionista”. Non in carne e ossa, sia beninteso, ma di cartone. Realizzato in dimensioni naturali,  l’esibizionista riproduce un giovane con tanto di impermeabile aperto e slip Eggo. I finti modelli, posizionati strategicamente all’uscita dei grandi magazzini, dei parchi e dei cinema della capitale, hanno attirato l’attenzione della gente, scatenando presto la curiosità e il tam tam mediatico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dalla Francia invece ecco un’altra originale e poco costosa campagna di marketing alternativo. L’ha realizzata la stazione sciistica La Clusaz che a Parigi, davanti alla Fnac, ha organizzato un concorso a premi. Semplice il metodo: l’estrazione di bigliettini da una ampolla. I fortunati hanno vinto una settimana gratuita per quattro persone nella località di montagna. A rendere particolare l’evento, i personaggi che hanno invitato i clienti Fnac a tentare la sorte: avvenenti ragazze in tuta da sci. Un abbigliamento che subito si è fatto notare dai parigini, ancora in giacca. E che ha subito fatto diventare questa estrazione una vera attrazione…bollente!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per denunciare il riscaldamento del pianeta e le possibilità di enormi inondazioni, a Vancouver, in Canada, è stata messa a punto un’operazione di guerriglia marketing a sfondo sociale. A pensarla è stata l’agenzia Rethink Vancouver per l’associazione Offstetters, che ha come scopo la sensibilizzazione dell’opinione pubblica sulla riduzione dell’anidride carbonica. Enormi canotti sono stati calati dai palazzi più alti della città. Sono rimasti sospesi in aria per qualche giorno, grazie a pesanti funi. Al suolo grandi cartelli con la scritta: “in caso di inondazione….”.

Dal Belgio infine arriva un’operazione di marketing… pirotecnica. Scopo: pubblicizzare il campionato mondiale del barbecue e mostrare i rischi del cattivo utilizzo della “brace”.  L’uomo in fiamme di uno stuntman professionista che, per conto della Belgian Burn Wound Foundation, ha informato i cittadini dei rischi del barbecue, se utilizzato male. Enorme il successo ottenuto da questa operazione, che in pochi giorni ha fatto il giro del mondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Rossella Ivone

 
 

Business Video