Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Il vino finisce online, per la gioia dei consumatori

Del: 03/12/2008

La notizia arriva dagli Usa:  Amazon, il rivenditore online noto per la vendita di libri che di bevande, si propone di entrare nel mercato americano del vino, con una mossa che potrebbe cambiarne la distribuzione e il prezzo negli Stati Uniti. "Amazon potrà cambiare le regole del gioco," ha detto Tyler Colman, autore del libro "La politica del vino".

Secondo Colman "le aziende vinicole avranno un raggio di clientela molto più ampio",  grazie a questa iniziativa di Amazon. Secondo i suoi calcoli, i consumatori assisteranno a una diminuzione dei prezzi del 20%, poiché Amazon "eliminerà un intero gradino del sistema di distribuzione".

Mike Veseth, economista presso l’Università di Puget Sound di Tacoma (Washington), pensa che i risparmi potrebbero essere addirittura superiori. "La distribuzione è l’unico grande collo di bottiglia nel mercato del vino", ha sottolineato Colman, precisando che rappresenta circa il 50% del costo di una bottiglia di vino.

Amazon finora però non ha aperto bocca sui suoi progetti. Il direttore del programma sul vino, Michael Gelvin, si è rifiutato di rispondere a qualsiasi domanda. Ma Wine Spectator, la rivista mensile il cui motto è "Impara di più, bevi meglio", ha riferito che la proposta di marketing e il contratto con le aziende vinicole proposti dalla sede di Seattle di Amazon offriva ai vinai non solo l’opportunità di diminuire i propri prezzi, ma anche quella di rifarsi del 47% delle vendite.

Alle condizioni attualmente vigenti negli Stati Uniti, il produttore di vino riceve circa un terzo del prezzo pagato dal consumatore.
"Se un distributore vende del vino al dettagliante per 10 dollari, significa che lui lo ha pagato circa 5 dollari. Successivamente il dettagliante, per avere un margine di guadagno, aumenta il prezzo per il consumatore di altri 5 dollari, poniamo", ha spiegato Veseth.

A seguito dei problemi provocati dal proibizionismo negli anni ‘30, alla maggioranza delle aziende vinicole è stato impedito di spedire i propri prodotti attraverso i confini di stato, ma una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti del 2005 ha reso più flessibili le regolamentazioni. Anche se ci sono altre contestazioni che si fanno strada nel sistema giudiziario, la maggior parte degli stati permette ai consumatori di ordinare vino online.

Il mercato americano del vino ha un valore di circa 25 miliardi di dollari all’anno, a detta di Rich Bergsund, direttore generale di Wine.com, attualmente il maggiore venditore di vino online, che ha accolto l’ingresso di Amazon nel mercato sostenendo che "è una buona cosa. La vendita di vino online rappresenta soltanto l’1 o il 2% del mercato".
Bergsund ha spiegato che i venditori online come Wine.com permettono ai consumatori di accedere ad una vasta selezione, ad ottimi prezzi, alla possibilità di consegna a domicilio e ad informazioni che li tranquillizzano rispetto a ciò che stanno acquistando. Quindi in breve tempo, i consumatori americani potranno ordinare non soltanto bicchieri da vino, cavatappi e secchielli per il ghiaccio, ma anche vino stesso. E a prezzi inferiori di quelli che pagano adesso.

 

Rossella Ivone

 
 

Business Video