Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Ho deciso lo compro…. 404 Not found!

Del: 16/12/2008

Con l’approssimarsi delle prossime festività natalizie, molte aziende, sia piccole sia grandi, si apprestano a varare campagne di marketing sulla rete, alla ricerca di nuovi, possibili acquirenti.

Durante i precedenti periodi di festività, queste campagne si sono focalizzate su attività e modalità consolidate, trascurando tuttavia alcuni aspetti di certo non secondari. Non può più bastare, infatti, un buon “mail marketing”, anche centrato su ottime offerte di lungo periodo, quando il rischio è quello di essere considerati come “spam”. Ed anche fidelizzare il cliente con mail post-acquisto (per proporre assistenza e/o semplicemente ringraziare) è una buona mossa, ma che da sola non basta più. Ancor più in tempi di crisi, come quelli che stiamo attraversando, bisognerà focalizzarsi su altre priorità.

Le indagini europee più recenti dimostrano, infatti, come i consumatori, si facciano influenzare in maniera sempre più forte dalle informazioni raccolte su Internet. Nei paesi del Nord-Europa, Regno Unito in particolare, quasi la metà degli acquirenti online ha dichiarato di aver variato la propria decisione sul prodotto/marchio da acquistare, dopo aver svolto ricerche in rete (in Italia la percentuale è quasi del 30%). In particolare le informazioni derivano dai motori di ricerca e dai siti che raccolgono segnalazioni personali e/o confrontano i prezzi, ma anche dai siti istituzionali dei marchi oggetto del possibile acquisto.

Questi dati sembrano suggerire alle aziende alcuni ‘buoni propositi natalizi’, evidenziando altri aspetti su cui porre attenzione. Quindi, ad esempio, avere estrema cura del proprio database dei prodotti (da cui i motori di comparazione raccolgono i dati per i propri siti). Oppure comprendere quanto e come sia ‘navigato’ il proprio sito web (purtroppo, anche nei siti più belli e curati, capita ancora di imbattersi in broken link), al fine di identificare le aree da potenziare, la provenienza del traffico o le campagne marketing più riuscite. Senza dimenticare che senza un’adeguata promozione, anche il migliore dei siti si rivelerà come l’irraggiungibile dimora di Babbo Natale.

Ernesto Maschilla

 
 

Business Video