Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Le sponsorizzazioni sportive

Del: 05/04/2004

Quale futuro attende le sponsorizzazioni sportive?
Saranno confermate le voci-sempre più insistenti negli ultimi tempi- che la crisi economica in atto farà sentire le sue conseguenze solo nell’arco di un anno?
E quali sono le discipline in grado di attirare i maggiori investimenti?
A dare una risposta a questi interrogativi ricorrenti fra addetti ai lavori e addetti al marketing delle aziende, l’indagine svolta da Tns Abacus e StageUp presentata lo scorso 7 novembre a Milano.
La ricerca, articolata in due parti - una predittiva, basata su una desk research e su interviste a leader del settore, e una demoscopica, realizzata attraverso interviste telefoniche a un campione rappresentativo di italiani di età compresa fra 14 e 64 anni- ha definito i bacini di riferimento di ciascun evento, la notorietà degli sponsor e gli atteggiamenti nei loro confronti.
Dall’indagine è emerso il forte interesse nei confronti dello sport e dei suoi eventi.
A tenere testa, le partite della Nazionale di calcio, di poco distaccate dall’automobilismo; subito dietro il calcio di serie A, mentre in coda si sono piazzati volley maschile e rugby.
Ne consegue che anche gli sponsor seguono le mode ed i gusti della maggioranza degli appassionati, preferendo una disciplina a un’altra in base al ritorno in termini di immagine che possono ottenere.
Dalla ricerca condotta da TNS Abacus e da Stage.Up è inoltre emerso che il 44% degli appassionati di sport dimostra un atteggiamento favorevole agli sponsor e il 22,6% mantiene questo atteggiamento anche al momento dell’acquisto, a dimostrazione del fatto che non è solo l’immagine aziendale a beneficiare dalla sponsorizzazione.
Se il 2001 ha registrato un incremento delle sponsorizzazioni (sport, cultura e utilità sociale), con un totale di 1668 milioni di euro investiti solo sul mercato italiano- con un 4% in più rispetto all’anno precedente- quest’anno si è subita una flessione dell’1%, destinata a crescere di due punti percentuali nel 2003.
Rispetto alle stagioni precedenti gli sponsor legati al food e al beverage aumenteranno la loro presenza, mentre andrà defilandosi quella di aziende legate al tabacco e agli arredamenti.
Il prossimo dunque non sarà un anno felice per lo sport, penalizzato anche dall’assenza di eventi sportivi di ampio respiro come le Olimpiadi o i Mondiali di calcio.
E se languiranno i finanziamenti esterni, allora un ruolo di primo piano dovranno assumerlo le Federazioni e il CONI, che dovranno riorganizzarsi e provvedere a rimpinguare le casse di molte società.
La sponsorizzazione sportiva si integra con la comunicazione aziendale, dà una connotazione a questa, accelera l’efficacia.
Chi la sa gestire ottiene dei risultati eccellenti’
: è questo l’augurio e il monito lanciato da Enrico Prandi, presidente della Lega Pallacanestro delle società di serie A.
Un monito che alcune aziende hanno già fatto loro, riuscendo a fare dello sport la leva principale della loro comunicazione (anche pubblicitaria), con risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
                                                          
                                                            Rossella Ivone 
                                                      redazione MyMarketingNet



Visualizza la ricerca per intero ai siti:

www.tnsabacus.it/tns/templates/PRODOTTI.ASP?page=284
www.stageup.com/stageup71102
 
 

Business Video