Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

La domanda di banda larga nel segmento business

Del: 13/04/2004

Il mercato italiano delle telecomunicazioni, dopo diversi anni di crescita a doppia cifra, sta attualmente attraversando una fase tipica dei settori maturi, caratterizzata da un processo di consolidamento del comparto.
Questa situazione si verifica in un periodo particolare, in cui le discontinuità di carattere tecnologico si sommano a quelle di natura macroeconomica e che, inserite nel contesto di globalizzazione dei mercati, potrebbero avere un’importanza fondamentale per l’intero Sistema Paese.
Tale discontinuità tecnologica si esplicita genericamente con il termine “Banda Larga” che, mutuato dall’anglosassone Broadband, definisce un insieme di tecnologie che consentono di aumentare la velocità di comunicazione in generale – e l’accesso ad Internet in particolare – sfruttando infrastrutture e/o tecnologie innovative rispetto a quelle tradizionali ed offre l’opportunità di usufruire di nuovi servizi il cui impiego consente di migliorare l’efficienza e la produttività tanto delle aziende che degli enti pubblici e privati.


Lo sviluppo del mercato delle tecnologie a Banda Larga in Italia è legato alla concomitanza di due fattori: l’offerta di servizi (a sua volta condizionata prioritariamente dall’esistenza di infrastrutture adeguate) e la domanda di accessi da parte della clientela potenziale, vale a dire quella effettivamente raggiungibile in forza della disponibilità e della capillarità delle infrastrutture.
In questo contesto, la creazione di reti in Fibra Ottica da parte degli operatori di servizi di telecomunicazione attivi in Italia è stata da un lato alimentata dalla necessità di disporre di infrastrutture proprietarie per poter erogare direttamente servizi ai propri clienti ma, d’altro canto, si è scontrata con l’elevato onere derivante dal fatto di avviare progetti di consistente entità.
Al di là di tali aspetti, spesso condizionati anche dal ruolo delle Amministrazioni Comunali – che dalle reti a Banda Larga hanno ritenuto di poter realizzare significativi introiti sia di breve che di lungo periodo – emerge che nel nostro Paese le infrastrutture in fibra ottica sono in continua espansione, nonostante una situazione socio-economica non particolarmente favorevole.  

Federcomin e Assinform, che rappresentano la maggior parte delle aziende operanti nel settore delle telecomunicazioni, hanno ritenuto necessario promuovere la realizzazione di un’indagine sull’attuale livello di conoscenza e utilizzo della banda larga in Italia, focalizzando l’attenzione in particolare sul mercato business.

Visualizza lo studio completo nel documento allegato.

 
 

Business Video