Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Marketing, contagio da eurofebbre

Del: 11/06/2004



14-18-22
: non è la combinazione vincente del terno al lotto, ma le date di giugno che i tifosi italiani hanno aspettato con ansia, visto che segnavano le partite azzurre negli Europei 2004.

Ecco l’articolo che abbiamo scritto a proposito della manifestazione lusitana:

Dopo aver visto i nostri campioni divertirsi in corse su scooter personalizzati, in avventurosi e ammiccanti spot, è giunta l’ora di vederli davvero all’opera, liberi dai panni di testimonial pubblicitari, che da qualche mese stanno impazzando non solo in tv e sui giornali, ma anche in Rete.

La partita delle aziende per conquistare i tifosi, è iniziata da tempo e- come non mai- Internet sta facendo la parte del leone in questa sfida a tutto campo.
Accanto agli sponsor ufficiali che fanno capolino dal sito ufficiale del campionato, tanti sono i brand che si sono legati agli Europei portoghesi per sentirsi parte attiva delle gare, le prime dell’estate europea a 25 Paesi.

Già alle stelle l’ eurofebbre del sito Carlsberg, fra i main sponsor dell’evento: in tutta Italia sono stati allestiti i Carlsberg stadium, pub in cui i tifosi potranno gustare un bicchiere di birra e guardare le azioni dei loro beniamini in tv, per sentirsi davvero “part of the game”, come recita lo slogan.

Coinvolgimento totale anche per i consumatori di Coca Cola, che in comarketing con JVC, ha dato vita a Predictor, il gioco a pronostici di euro2004.com, attraverso il quale i tifosi possono testare le loro conoscenze calcistiche.

Giocano in attacco i grandi brand sportivi: la maglia numero 10 ad adidas, che ha lanciato per l’occasione Road to Lisbon, uno spot che vede undici grandi del calcio europeo impegnati in un divertente e divertito viaggio in scooter, alla volta della capitale portoghese; sul mini sito dedicato, oltre al film, anche la possibilità di partecipare a un concorso e vincere lo scooter di Bekham.
Sempre firmato adidas, Roteiro, il pallone ufficiale del torneo, ispirato al diario di bordo di Vasco de Gama, non solo per il nome, ma anche per il colore, che ricorda il mare, e le sue linee, ispirate ai paralleli e ai meridiani delle carte geografiche.

 Al grido di Two sides, one goal Puma incoraggia invece gli azzurri, con un testimonial d’eccezione, Gialuigi Buffon.
Collina Inzaghi Vieri, sono poi i protagonisti delle promocard Diadora: la campagna è veicolata in 420 location del Portogallo, con cartoline multisoggetto, caratterizzate dal fronte che raffigura i testimonial di “faccia” e dal retro che li riporta di schiena.

Rigorosamente frontali invece le classiche figurine Panini, immancabili supporti di ogni torneo calcistico: nell’album (334 figurine per 48 pagine), tutte le informazioni sui giocatori, con il calendario delle partite e il necessario per conoscere tutti i dettagli della manifestazione.

A rendere ancora più emozionante la competizione e far diventare i tifosi protagonisti, il videogioco Euro 2004, nato grazie all’accordo siglato fra Electronic Arts e UEFA, che rappresenterà “l’esperienza di intrattenimento interattivo” ufficiale di questo torneo.

Un torneo che tutti stanno aspettando con ansia, soprattutto le aziende che hanno pianificato da tempo, in vista del 12 giugno, iniziative di marketing e promozioni capaci di anticipare e far salire la febbre dei tifosi, mai troppo assuefatti dal gioco più bello del mondo.

                                                                    Rossella Ivone

 
 

Business Video