Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Internal auditing, da funzione di controllo a business

Del: 07/07/2004

Guarda il nostro servizio sulla giornata!


Nell’attuale panorama economico, l’internal auditing è una delle tematiche di più stretta attualità, sia in ambito aziendale che bancario.

In seguito ai crack finanziari di società come Parmalat e Cirio, rivelatisi agli occhi dell’opinione pubblica come giganti dai piedi d’argilla, si sta facendo infatti sempre più pressante sia da parte delle aziende che del sistema bancario, la necessità di attivare adeguati controlli per prevenire, con le dovute analisi, l’insorgenza di delicate situazioni di rischio.

Dello sviluppo dell’auditing e delle sue prossime evoluzioni si è parlato durante il workshop “Internal auditing, da funzione di controllo a funzione di business”, organizzato dal CETIF, Centro di Tecnologie Informatiche e Finanziarie dell’Università Cattolica di Milano.

All’incontro hanno partecipato, accanto a numerosi esponenti del mondo bancario, anche manager d’azienda, che hanno seguito con partecipazione la storia, gli sviluppi dell’auditing e le sue applicazioni non solo nel mondo finanziario, ma anche in quello aziendale; in questo senso è stata presentata la case history di Poste Italiane.

I relatori hanno all’unisono sottolineato come l’internal auditing sia un‘attività indipendente e obiettiva di assurance e di consulenza, finalizzata al miglioramento dell’efficacia e dell’efficienza aziendale.

Ma se prima l’auditing era avvertito come una sorta di ispettorato, privo di coinvolgimento nelle fasi di organizzazione, in seguito le normative hanno sottolineato sempre più il suo ruolo di consulenza interna, per favorire un atteggiamento preventivo e non punitivo di situazioni scorrette e rischiose.


Sono state così realizzate strutture capaci di prevenire e monitorare, attraverso controlli incrociati, eventuali anomalie su tutto il sistema aziendale e bancario e di supportare il management nella revisione dei processi aziendali, evitando scandali e crack annunciati, come quelli a cui milioni piccoli risparmiatori hanno dovuto, loro malgrado, assistere impassibili.

                                                            Rossella Ivone

 
 

Business Video