Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Dalla plastica il cestino per la spesa

Del: 20/01/2005

In Italia arriva EKO LOGIC Shop to Shop, il sistema di cestini e carrelli in PET riciclato che propone alla grande distribuzione moderna una nuova concezione di supermercato, che si trasforma così da regno del vetro, del legno e del ferro in regno della plastica riciclata.
Da regno del consumo a luogo di impegno etico.
IL PET è la plastica delle bottiglie di acqua.

Perché riciclare questo materiale?
Perché disperso nell’ambiente impiega un milione di anni per biodegradarsi, se recuperato, può essere riciclato all’infinito.
Tra l’altro, il mercato del PET per gli imballaggi è in continua crescita.
Eppure attualmente è uno dei materiali meno riciclati, a causa dei costi del suo riutilizzo. I componenti di EKO LOGIC Shop to Shop sono prodotti da La Sphera, società focalizzata sulla ricerca e sviluppo di prodotti di plastica ecocompatibili, che ha individuato il metodo per dare al prodotto in PET riciclato un valore superiore alle spese da sostenere per il suo recupero.

Se si considera che solo nel nostro Paese si consumano oltre 15 miliardi di bottiglie di plastica all’anno (dati ASSORIMAP), per la maggior parte acquistate nei supermercati, e che l’84% di questa montagna di plastica non viene riciclata, è evidente il vantaggio di un sistema che utilizza la più grande rete commerciale del mondo proprio per eliminare dall’ambiente questa ingombrante materia!

I centri della grande distribuzione, grazie a EKO LOGIC Shop to Shop, diventano così degli enormi epuratori ambientali. "Compri 23 bottiglie, le ritrovi al ‘super’ del tuo quartiere in forma di cestino per la spesa". Con 250 bottiglie contribuisci a fare il carrello, etc.

E questo è solo il primo passo verso un supermercato interamente arredato e organizzato con attrezzature in PET, dagli scaffali alle casse ai frigoriferi.
E poi verrà un mondo costruito e arredato completamente in PET, con una netta riduzione del consumo di petrolio!
Sul pianeta si vendono tra i 20 i 25 milioni di carrelli: basterebbe sostituire solo questi per eliminare completamente il PET di scarto delle bottiglie italiane. Infatti, con 15 miliardi bottiglie si potrebbero costruire ben 35 milioni di carrelli. Un ruolo fondamentale in tutto il processo è dunque quello del consumatore che da oggi sa dove vanno a finire le bottiglie che affida alla raccolta differenziata (Shop To Shop, dall’acquisto delle bottiglie al carrello per fare la spesa) e come partecipare da protagonista alla salvaguardia del mondo in cui vivranno i suoi figli.

Approfondisci l’articolo nell’allegato!


Allegati:
Euroshop 2005

 
 

Business Video