Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Product Placement

Del: 10/03/2005




Il product placement è un argomento molto attuale: è uscita infatti da solo un anno la nuova legge del Ministro Urbani volta a regolamentare la presenza di marchi/prodotti all’interno dei film.

Il product placement, però non si esaurisce nell’inserire prodotti e marchi all’interno dei film, questo è solo uno fra gli approcci possibili. Il nostro obiettivo è quello di mostrare approcci alternativi all’interno di quest’ambito, ma prima di fare ciò è necessario definire che cosa si intende per “product placement”.

“Il product placement è una pratica che consiste nell’inserire un

marchio, un prodotto, una confezione o un cartellone pubblicitario all’interno di un film, di uno show televisivo o video musicale.” (Steorz 1987).

Questa è la definizione classica del product placement, pratica utilizzata da decenni, basti pensare che una della prime “comparse” di un prodotto avviene nel 1945 nel filmMildred Pierce” in cui Joan Crowford spegne la sua sete con un sorso di Jack Daniels.

Product placementcontemporaneo” – alternativo
Dal 1945 ad oggi il product placement si è evoluto penetrando nei talk show, nei videogiochi, nei testi delle canzoni, nei videoclip, nei libri nei fumetti, nei negozi.
Vorremmo provare a fornire la nostra interpretazione di product placement: contestualizzare un marchio (nel suo significato più ampio: prodotti, campagne, packaging) all’interno di una situazione di intrattenimento che ne rafforzi i valori.

PRODUCT PLACEMENT NEI FILM
Fare pubblicità all’interno dei film permette di usufruire di due grandi vantaggi. Il primo è dato dall’ "aura magica” della pellicola: grandi attori e storie avvincenti che danno al prodotto/marchio una visibilità particolare. Il secondo è dato dalle condizioni di fruizione: la visione al cinema del film non è in alcun modo distratta da suoni esterni, quindi risulta più efficace.

1) 007 + Aston Martin: La serie 007, fin dal primo episodio “007 licenza di uccidere” 1962, ha celebrato marche di auto, champagne, orologi. Ricordiamo la mitica Aston Martin DB5.
2) 007 + Rolex: Rolex negli anni 60 e 70 ha prodotto il modello “James Bond” indossato dall’agente segreto creato da Ian Flaming, contribuendo a diffondere la fama di Rolex nel mondo.
3) Matrix Reloaded + Samsung: Samsung inserendo i propri prodotti all’interno di un film avveniristico come Matrix, associa il suo marchio all’innovazione tecnologica più avanzata.
4) E.T. + BMX: In E.T. (1982) di Steven Spielberg sono state inserite le biciclette BMX, che accompagnano i bambini per tutto il film. E.T. ha così contribuito alla diffusione mondiale della BMX.
5) Johnson & Jonhson: in collaborazione con la rete TNT ha creato la Johnson & Johnson Spotlight Presentation, una società di produzione cinematografica. Lo scopo è quello di realizzare storie che trasmettono valori positivi e cercare di legare ad essi il proprio marchio/prodotti.Il primo film uscito è intitolato “Door to door”: la storia (vera) di un venditore porta a porta.
Gli altri film prodotti sono: “Miss Lettie and Me”, “Wilder Days” e “The Winning Season”.

Altri casi:
Mini in the Italian Jobs
Audi RSQ in I-Robot
Omega + Ericcson + BMW = 007 Die another day
Nokia + Volvo = Il santo
Rolex = The Winning
Nokia + Gap + Lexus = Minority report
Samsung+ Ducati= Matrix Reloaded
Gto Pontiac = The last Ride
Triumph
= Mission Impossible 2
Tissot + Jeep = Tomb Raider
Ikea + Starbucks + budweiser + apple= Fight Club



                                                                     Powered by JWT- Chuco
                                                                  francesco.ungaro@jwt.com

 


Approfondisci tutto lo studio sul product placement nell’allegato!


Allegati:
Product Placement

 
 

Business Video