Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Brand Life, il caso Philips

Del: 04/05/2005

Per gentile concessione di Brandforum (www.brandforum.it)


Il contesto attuale – il category management


Negli ultimi anni si è assistito a uno sviluppo di quello che viene definito Category Management, e cioè il processo integrato a livello di singola categoria merceologica promosso da produttore e distributore con l’obiettivo di migliorare i risultati mediante la focalizzazione del suo valore trasferito al consumatore.
Leader nel mercato dell’illuminazione con soluzioni avanzate, grazie alla costante innovazione tecnologica, Philips sa bene come l’illuminazione rappresenti un elemento fondamentale per il design della casa del consumatore.
Dalla fine degli anni Novanta, ha colto l’importanza del Category Management studiando il modo migliore per organizzare a scaffale la merce in modo tale da ottimizzare lo spazio a disposizione sul punto vendita, aumentare il profitto e una maggiore rotazione a scaffale evitando rotture di stock.
Queste problematiche hanno portato l’azienda ad effettuare studi sulla percezione del mercato e ad una ridefinizione della strategia di comunicazione di Philips Lighting Consumer.

Ricerche ed analisi di mercato

Tra il 1999 ed il 2001 Philips ha intrapreso una serie di analisi e di ricerche di mercato a livello europeo volte a stabilire quali potevano essere i correttivi per la nuova strategia di comunicazione.
In particolare, le ricerche relative ai bisogni e desideri nell’area dell’home decoration hanno evidenziato come il consumatore europeo medio sia più sofisticato e si aspetti standard qualitativi sempre più elevati.
La casa viene percepita come “il proprio castello”: confortevole, rilassante e sicuro. Inoltre l’atmosfera deve riflettere la propria personalità, i propri gusti, le proprie aspettative.
Soprattutto l’approccio nei confronti della propria casa cambia in funzione del locale in cui si trova: alla sala da pranzo e al soggiorno si associa la socialità e il senso di famiglia, alla cucina la sicurezza, il calore, il comfort, il rilassamento e l’incontro, mentre per il bagno e la camera da letto l’intimo e il personale (Home Deco - Brand Metters – 1999).
Il trend è verso la creazione di spazi luminosi dai colori il più naturale possibile. A questo si deve aggiungere il fatto che il consumatore, davanti al banco lampade, si sentiva confuso e disorientato nella scelta della lampada a causa della poca chiarezza e trasparenza del prodotto e alla mancanza di elementi di comunicazione adeguati.
L’interesse e il coinvolgimento nella categoria merceologica delle lampadine è estremamente bassa, tuttavia, è semplice per i consumatori, comprendere i principi di base sulla luce (effetto luminoso, forma, wattaggio..).
Se si espongono al consumatore queste peculiarità in un linguaggio e in una terminologia appropriata, si mostra più interessato all’oggetto e più propenso all’acquisto.
Ma come comunicare al cliente questi messaggi?


Approfondiscilo su Brandforum, clicca qui!
                                                                                         
                                                                                        Elisa Balatti

 
 

Business Video