Registrati | Login
  

FOCUS ON MANAGEMENT BRANDING MEDIA INTERNATIONAL

Scenari di pubblicità

Del: 27/05/2005

Gli investimenti pubblicitari nel primo trimestre di quest’anno continuano a crescere, anche se a tassi decisamente più contenuti che nel 2004. La Tv è il mezzo privilegiato dagli investitori: a confermare il dato emerso dalla ricerca “Euro Trends 2005” di Millward Brown, la ricerca di Nielsen Media Research, presentata nel corso dell’incontro “Lo scenario della pubblicità”, organizzata dall’International Advertising Association.

“Nel 2004 la televisione è cresciuta del 10%- ha affermato Paolo Duranti managing director di Nielsen Media Research- anche se la performance migliore la esprime la radio, con il 20% di crescita, mentre i magazine sono il settore in maggiore difficoltà, con lo 0% di crescita rispetto a un anno fa”.
In calo nel nostro Paese gli advertiser nei settori alimentare, bevande, giochi e turismo, mentre finanza, media, auto e telecomunicazioni sono i comparti che registrano le performance migliori, a testimonianza della progressiva terziarizzazione degli stili di consumo; le TLC in particolare vedono crescere del 25% gli investimenti, a differenza di quanto succede nel resto d’Europa, dove il retail guadagna ben 24 punti percentuali in investimenti.

Un dato confortante è che- a livello internazionale- rallenta il calo degli advertiser: se dal 2002 sono state perse 395 aziende, dal 2003 al 2004 la diminuzione è stata solo di 56 imprese, mentre aumenta il livello della concentrazione del mercato, infatti le prime 100 aziende sviluppa il 50% del mercato, generando una potenziale instabilità dei trend anche in tempi brevi.

Grandi cambiamenti in prospettiva anche per l’avvento di tecnologie sempre più all’avanguardia, che- secondo le stime di Nielsen Media Research- incideranno notevolmente nella fruizione dei media. L’affermazione del DVR (il video registratore digitale), che permette di saltare gli spot, sta inducendo le aziende a rivedere il loro modo di pianificare.

Negli Stati Uniti, dove il DVR è già presente in 10 milioni di famiglie (cifra destinata a triplicare nel 2008), le sponsorizzazioni sportive hanno raggiunto già gli 8 miliardi di dollari, il product placement arriverà entro l’anno prossimo a 4 miliardi i dollari e- elemento da sottolineare- il mercato dei video games registrerà alti livelli di crescita (ad oggi il suo valore è apri a 7 miliardi di dollari).

Fra le grandi novità anche l’avanzata della Cina, che ha fatto segnare un 32% in più negli investimenti in adv e che si conferma come Paese trainante della crescita della pubblicità.

“Le previsioni di chiusura per il 2005- afferma Paolo Duranti- confermano le stime che Niselsen Media Research ha formulato: una contenuta crescita della raccolta del 2,3%, con una frenata massima attestabile intorno al 2,2% per il largo consumo e un’impennata dei servizi del 10.8%

                                                       Rossella Ivone

Approfondisci i dati Nielsen Media Research nell’allegato!


Allegati:
Rapporto IAA 2005

 
 

Business Video