stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 5 Ottobre 2015

Best Global Brands 2015

Oltre 170 miliardi. Tanto vale il primo brand al mondo, secondo la classifica stilata da Interbrand. E, per il secondo anno consecutivo, tale brand corrisponde al nome di Apple. La creatura di Steve Jobs è infatti riuscita, anche quest'anno, a conquistare il primo posto della Best Global Brands 2015, dando moltissimo distacco a Google, Coca-Cola e Microsoft, le dirette inseguitrici.

La casa di Cupertino vale per la precisione 170,276 miliardi, grazie anche a un aumento del proprio valore del 43% rispetto al 2014. Un aumento che permette a Apple di staccare nettamente le dirette inseguitrici: Google vale infatti 120,314 miliardi (nell'ultimo anno Big G è crescita 'solo' del 12%), mentre Coca-Cola vale quasi 100 miliardi in meno della prima classificata, circa 78 miliardi (con una descrescita rispetto a 2014 del 4%). Si fa notare al decimo posto Amazon, che grazie a un +29% rispetto allo scorso anno riesce a salire a 38 miliardi di valutazione; mentre il re della classifica della crescita risulta essere Facebook, che sale dal 29esimo al 23esimo posto grazie a una crescita del 54%.

Come segnala Il Giornale, “il tratto distintivo della classifica è che le società che crescono e stanno meglio sono quelle con una forte presenza online come Facebook e Google, nei primi 100 posti c'è spazio per qualche sorpresa e alcune new entry. È il caso, quasi sorprendete, della Lego che entra all'82o posto con un valore di 5,3 miliardi di dollari. Ma in classifica c'è spazio anche per le società cinesi con Huawei che passa dal 94o al 88o posto con una valutazione di 5 miliardi e l'ingresso di Lenovo al 100 posto. In classifica ci sono anche due “sparizioni” eccellenti: esce Nokia, riassorbita da Microsoft e Nintendo che vede ridurre il suo valore”. Risulta comunque evidente il dominio del settore tecnologico, e, più in particolare, quello della Silicon Valley. I brand tecnologici rappresentano più un terzo del totale.

“Perché oggi le imprese e le marche devono evolversi alla velocità della vita delle persone, quest'anno la Top 100 rappresenta quei marchi d'elite che meglio si allineano con le priorità della gente e si integrano perfettamente nel loro quotidiano”, dice Jez Frampton, Global Chief Executive di Interbrand. “E' davvero emozionante vedere così tanti marchi leader in così tanti settori diversi sempre abbracciare il loro ruolo nell'influenzare la scelta dei clienti e la costruzione di nuovi modelli di business in risposta alle nuove norme e la sperimentazione di nuove idee per soddisfare l'esigenza di spostare la mentalità dei consumatori”.


newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net