stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 11 Gennaio 2019

I 10 fattori su cui l’azienda deve puntare per una comunicazione efficace

La ricetta di Francesca Anzalone: innovare i contenuti e rinnovarsi nella loro distribuzione

“Il mercato oggi vive tra le relazioni di persone e l’immagine. Si parla molto di influencer, ovvero di personaggi che riescono a influenzare le scelte di acquisto, figure che nascono con il digitale e sicuramente, nelle loro azioni, riescono a veicolare scelte e a favorire il riconoscimento di un marchio. Sempre molto discussi, ma interessanti dal punto di vista del marketing e della comunicazione, offrono alle aziende un seguito fidelizzato e una grande attenzione all’immagine. Le tendenze ci portano sempre di più verso la visualizzazione di video, verso immagini di grande qualità e attente a coerenza con i valori aziendali e la vision”, afferma Francesca Anzalone, esperta di comunicazione digitale, docente e Fondatrice e CEO di Netlife s.r.l. società di servizi di comunicazione e formazione.

“Il pubblico è sempre più consapevole e attento, questo grazie alle numerose informazioni di cui beneficia online e a una capacità sempre più alta di compararle. Ecco che l’immagine, la capacità di raccontarsi in maniera coinvolgente, diventano aspetti fondamentali sui quali costruire la nuova comunicazione, sempre più responsabile e consapevole di opportunità e rischi. Nuove figure specializzate entrano nei team come l’esperto in gestione di crisi che, oltre a intervenire tempestivamente e nella maniera più corretta e efficace, aiuta a prevenire i rischi; il creativo digitale, che supporta la comunicazione online con strumenti e strategie volte all’ingaggio del pubblico; ma anche a Digital PR e all’ufficio stampa digitale che creano nuove relazioni e aprono canali di incontro, riflessione e confronto integrando online e offline. In altre parole un nuovo team in grado di mettere l’azienda sotto ai riflettori, di farne parlare nel modo corretto, e soprattutto di garantire la coerenza tra valori, messaggi, azioni e attività”.

In un mercato in piena trasformazione e in una società iperconnessa, l’impresa deve riuscire a stare al passo con le tendenze e le esigenze del mercato e deve rinnovarsi nei contenuti e nella loro distribuzione. Ecco allora un decalogo delle 10 cose che non devono mancare all’azienda contemporanea secondo la ventennale esperienza sul web di Francesca Anzalone.

  1. Aggiornare il Company Profile con personalità e nuove strategie di lettura
  2. Redesign degli spazi aziendali
  3. Contenuti di qualità e narrativi
  4. Conversazioni prima di tutto
  5. Promuovere il talento
  6. Video, audio e scatti sono sempre presenti!
  7. Video e poadcast i migliori alleati
  8. Promuovere attività di aggiornamento
  9. Gadget mania
  10. Pensare omnicanale


Aggiornare il Company Profile con personalità e nuove strategie di lettura

Il nuovo Company Profile deve essere un oggetto bello da vedere e utile nelle informazioni. Meglio se ha con sé dettagli unici. Con il team work bisogna focalizzarsi sul target, immedesimarsi nelle sue azioni, nel momento dell’incontro, sulle varie tipologie di lettura che possono avvenire (durante l’incontro, mentre sfoglia e se ha voglia di approfondire successivamente) e che vanno presentate con un punto di vista nuovo. Serve lavorare sulle attese del cliente per soddisfarle, impostare i contenuti in base al tempo che può dedicare e costruire i livelli di lettura tra immagini, titolazioni efficaci e testi di approfondimento (non oltre i 700 caratteri per argomento).


Redesign degli spazi aziendali

Non servono grandi stravolgimenti, ma qualche accorgimento strategico. Il cliente quando arriva in azienda deve sentirsi coinvolto e ispirato, in qualche modo già parte di questa realtà perché ne condivide il metodo di lavoro, i valori o gli obiettivi. Un richiamo ai colori aziendali, a qualche valore e naturalmente facciargli vedere che l’azienda è omnicanale nella comunicazione, non dimentichiamo i rimandi online.


Contenuti di qualità e narrativi

Se si seguono i trend principali di eventi e musei, gli allestimenti vengono affidati a scenografi e con una visione attenta nella regia. Gli aspetti che esaltano dettagli nelle fotografie e nei video prodotti. Contenuti sempre più di qualità da trasferire online anche attraverso i live e i canali social.


Conversazioni prima di tutto

Molto utile è imparare a creare conversazioni in cui l’oggetto della conversazione sia un aspetto, un valore o un talento dell’azienda. Conversazioni responsabili e consapevoli: la parola è lo strumento più potente che si ha a disposizione. Creare conversazioni costruttive e di valore che parlano indirettamente dell’azienda attraverso qualcosa di importante è la migliore strategia da adottare. Osservare da un altro punto di vista aprirà la mente a infinite conversazioni.


Promuovere il talento

La squadra vince su tutto, perciò bisogna valorizzarla: sarà un modo anche per attrarre nuovi talenti. Lasciate che siano le risorse stesse a raccontare l’azienda e a parlare delle loro attività. Le conversazioni oggi viaggiano sul web e i principali ambasciatori delle aziende sono le risorse umane. In una visione di mercato dove le persone sono al centro, le risorse umane di un’azienda sono il riferimento anche per i clienti. E’ dimostrato che la soddisfazione e il sentirsi un valore aumenta il coinvolgimento.


Video, audio e scatti sono sempre presenti!

Oggi agli eventi si registrano video delle dichiarazioni, l’audio durante le riunioni e si scattano foto. Non bisogna farsi cogliere impreparati, ma anzi è utile sfruttare al meglio queste opportunità anche come crescita. Serve imparare a muoversi davanti ad una telecamera, a organizzare il discorso e a pensare ai dettagli che possono valorizzare il brand in uno scatto.


Video e podcast i migliori alleati

E visto che i video sono i contenuti più seguiti e i podcast quelli a cui si presta maggiore attenzione, una buona strategia può essere farne un ampio uso, sempre consapevole! Quindi, video release nel kit destinato ai media e al sito web, podcast monografici su argomenti affidati alle risorse per aiutare a conoscere e scoprire meglio le attività.


Promuovere attività di aggiornamento

Promuovere attività di aggiornamento e formazione nell’ambito della comunicazione e della creatività, perché il miglior dream team e quello con i contenuti migliori, è in azienda, serve solo qualche stimolo e un po’ di ispirazione.


Gadget mania

Nuova vita ai gadget, desiderati, ricercati, ma anche di grande tendenza e portatori di messaggi significativi. Il Gadget oggi è diventato uno strumento di conversazione che stupisce e coinvolge. Non bisogna dimenticare, quindi, di creare una propria linea.


Pensare omnicanale

La comunicazione oggi non viaggia più per settori, ma diventa una narrazione totale che va governata e coordinata armoniosamente. Ogni elemento si mette in relazione con gli altri e costruire il messaggio. Va immaginata come se fosse un’orchestra, dove ogni strumento può suonare solo, con due o tre elementi o tutti insieme, a seconda del pubblico.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net