hit
counter
Logo MyMarketingNet Small

Hasbro fiuta l’opportunità provando a registrare l’odore del Play-Doh

Hasbro fiuta l’opportunità provando a registrare l’odore del Play-Doh

“Hasbro fiuta l’opportunità provando a registrare l’odore del Play-Doh” è un articolo di Rob Davey, Senior Director, CompuMark, un brand di Clarivate Analytics

 

Di proprietà della Hasbro dal 1991, Play-Doh è forse uno dei giocattoli per bambini più diffuso e ci sono state così tante varianti del prodotto che sarebbe difficile elencarle tutte. Ma, per la prima volta, intuendo l’opportunità di rafforzare ulteriormente il proprio brand, Hasbro ha presentato una richiesta di registrazione per il profumo del Play-Doh. Insieme alla domanda di registrazione, Hasbro ha inviato all’USPTO un barattolo di Play-Doh per permettere loro di odorarlo davvero.

 

Sorprendentemente, questa non è la prima volta che una società ha provato a registrare l’odore di un prodotto. Secondo Mental Floss, il primo caso di successo è avvenuto nel 1990, quando una società californiana, chiamata OSEWEZ (la cui pronuncia è “oh sew easy”) ha registrato un “filo da ricamo al profumo di plumeria” dopo aver discusso il caso di fronte al Trademark Trial and Appeal Board (TTAB) dell’USPTO. Il successo della richiesta ha aperto le porte ad altre aziende che tentano la sorte registrando il proprio profumo, inclusa Hasbro stessa.

 

Ciò che non sorprende, tuttavia, è che l’odore è molto più difficile da registrare, rispetto ad un nome. Come indicato dall’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale, un marchio deve essere in grado di fornire una rappresentazione visiva del profumo del prodotto per avere successo. Ma non è così semplice, infatti: “qualsiasi descrizione scritta di un odore deve essere così precisa che quel particolare odore non possa essere confuso con nessun altro”. Partendo da questo presupposto, Hasbro si è notevolmente impegnata per poter soddisfare questa richiesta, descrivendo l’odore di Play-Doh come “un profumo unico, formato dalla combinazione di una fragranza di vaniglia, dolce, leggermente muschiata, con lievi sfumature di ciliegia e l’odore naturale di impasto salato a base di grano”.

 

Un altro fattore fondamentale nella registrazione di qualsiasi odore come marchio, è che non deve derivare dalla natura del prodotto stesso. Per esempio, è notoriamente difficile registrare l’odore di un profumo, perché l’odore è il prodotto. È qui che la descrizione dell’odore diventa davvero cruciale per la domanda di registrazione, dal momento che deve convincere i responsabili della decisione che l’odore è solo un accompagnamento del prodotto stesso.

 

Infine, bisogna considerare il semplice fatto che persone diverse identificano odori diversi. Basta pensare, ad esempio, ad una degustazione di vino. Mentre il sommelier potrebbe essere in grado di identificare i diversi odori dei singoli frutti in un bicchiere di vino rosso, qualcun altro riuscirebbe a cogliere solo l’odore del vino.

 

Nonostante tali sfide, Hasbro ovviamente crede nell’unicità dell’odore del Play-Doh, per presentare la richiesta. Se avrà successo, potremmo vedere presto sul mercato alcuni interessanti prodotti, come candele profumate al Play-Doh?

 

Pubblicato il 12 settembre 2017

Più Letti della Settimana

28/02/2017

Indovina chi entra al supermercato

Fare la spesa oggi, in Italia, può essere quasi un rituale o un autentico momento di gratificazion

08/11/2016

Email marketing & eCommerce: la guida per Natale

È alle porte il periodo dell’anno più intenso e potenzialmente più redditizio per chi si occup

12/04/2017

Italia, cresce il gioco online nel 2016: +25 rispetto al 2015

È un settore decisamente in crescita, quello del gioco online. Da qualche anno a questa parte, il

03/11/2016

Nielsen, The Rise of Italian Consumer Confidence

Si posiziona a quota 57 l’indice di fiducia Nielsen dei consumatori italiani, in

17/01/2017

Journey 2020 Digital Shockwaves in Business

Come si evolverà il business da qui a pochi anni? Lo ha svelato Atos nel suo

08/11/2016

eCommerce, From Black Friday to Christmas

Manca poco al Black Friday, tradizione americana ormai sbarcata in Italia da diversi anni, glorific

05/04/2017

BIT Revolution

Si è conclusa ier a fieramilanocity e MiCo Bit - Bo

07/11/2016

Italian Referendum Sentiment

Qual è l’orientamento dei cittadini che usano internet riguardo al referendum costituzionale che

14/04/2017

"Health/Wellness: food as medicine" di Nielsen: in Italia il cibo chiede più informazioni

Che il cibo il Italia, nella grande maggioranza dei casi, sia diventato ben più di un fenomeno di

07/04/2017

Design For Smart Work

Anche il design, la luce, il colore contano. Anche quando si parla di lavoro: un ambiente migliore

MyMarketing.Net
é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Milano n. 327 del 10/05/2004 - Un progetto by TVN srl (P.Iva: 05793330969)