hit
counter
Logo MyMarketingNet Small

La moda sui social: i dati di Facebook e Instagram

La moda sui social: i dati di Facebook e Instagram

Il mese della moda è appena cominciato, e in questa occasione Facebook IQ ha pubblicato un report sulle conversazioni intorno al “fashion” sui social Instagram e Facebook. La moda è una delle tematiche più popolari sui due social. Basti pensare che su Instagram l’hashtag #fashion viene utilizzato circa 13 milioni di volte al mese, mentre su Facebook ci sono centinaia di migliaia di pagine e gruppi dedicati a questa tematica.

La ricerca ha analizzato le conversazioni in Italia, Gran Bretagna, Stati Uniti, Francia, Spagna e Germania, rivelando tendenze, parole chiave più utilizzate e comportamenti d’acquisto. Ecco i punti più interessanti:

  1. Su Facebook le conversazioni sulla moda continuano per tutto l’anno
  2. L’equilibrio tra fast-fashion e sostenibilità
  3. Le priorità ‘fashion’ variano da Paese a Paese
  4. Instagram e Facebook sono una casa per gli appassionati di moda

 

Su Facebook le conversazioni sulla moda continuano per tutto l’anno

Il social ha analizzato le conversazioni su vestiti e accessori, pensando di rilevare dei picchi nel corso dell’anno. Quello che invece è stato scoperto è che, nonostante piccoli picchi in alcuni periodi dell’anno (ad esempio Natale per la parola chiave “shopping” e Halloween per “vestiti”), la quantità di conversazioni sulla moda è costante, ed alta, durante tutto l’anno.
Il weekend è il momento preferito dei modaioli: il giorno della settimana in cui si parla di più di moda su Instagram e Facebook è infatti il sabato.

Social, moda

L’equilibrio tra fast-fashion e sostenibilità

Nell’ultimo decennio c’è stata una decisa ascesa della cosiddetta fast fashion, grazie anche alla nascita di sempre più catene di abbigliamento che producono capi poco costosi in risposta alle ultime tendenze. Tuttavia, i dati dimostrano che c’è un’altra tendenza, per certi versi opposta, in netta ascesa. Spopolano la sostenibilità, la moda eco-friendly (ad esempio, le conversazioni su questo tema sono aumentate in Spagna del 24% dal 2016 al 2017). Questi due mondi inoltre talvolta si incontrano, come dimostrano le collezioni eco-friendly lanciate negli ultimi anni da brand di fast-fashion.

 

Le priorità ‘fashion’ variano da Paese a Paese

La community fashion su Facebook è più diversificata di quanto si possa immaginare: oltre un terzo (37%) delle menzioni su shopping, abiti e accessori su Facebook sono infatti di uomini.

L‘analisi mette inoltre in luce alcune differenze nelle parole associate alla moda tra nei diversi Paesi:
-In Gran Bretagna, su Facebook lo shopping è associato a parole come “terapia”, “coccole” e “regalo”;
-Negli Stati Uniti invece l’associazione con un linguaggio più funzionale, e vengono utilizzate parole quali “commissioni”, “carrello”, “centro commerciale”;
-In Germania lo shopping è associato al concetto di “camminare” e “passeggiate”;
-In Francia, è invece correlato a concetti quali “regali” e “sconti”;
-Infine, in Italia e Spagna le parole associate allo shopping sono molto legate al prezzo della moda, con parole quali “caro”, “economico”, “costo”.

Per quanto riguarda poi i capi di abbigliamento più citati nelle conversazioni relative alla moda, anche qui ci sono differenze tra Paese e Paese: in Gran Bretagna si parla di più di outerwear, mentre in Spagna e Germania il capo più discusso sono le borse e in Italia e Stati Uniti le scarpe.

Social, moda

Instagram e Facebook sono una casa per gli appassionati di moda

Gli appassionati di moda su Instagram sono una community ad altissimo tasso di engagement, che si connette sulla piattaforma fino a 15 volte al giorno e guarda circa 5 volte il numero di foto rispetto all’utente medio. Oltre il 45% degli instagrammer intervistati in Francia, Germania, Italia, Spagna e Gran Bretagna segue su Instagram almeno un brand o azienda di moda o un fashion influencer.

Le utenti donne che utilizzano l’hashtag #fashion, inoltre, hanno in media oltre il triplo (3.63x) dei follower rispetto all’utente medio, seguono il doppio dei profili (2.21x) e sono anche molto più attive nel postare e nel commentare. Inoltre guardano più del doppio dei video (2.35x) rispetto all’utente medio, e per più tempo.

Per quanto riguarda Facebook, in media ci sono 52.000 gruppi dedicati alla moda nei Paesi coinvolti nella ricerca, con una media di 320 utenti attivi per gruppo. Gli utenti di questi gruppi sono circa per due terzi donne (70%), e per un terzo uomini (30%).

Pubblicato il 22 settembre 2017

Più Letti della Settimana

28/02/2017

Indovina chi entra al supermercato

Fare la spesa oggi, in Italia, può essere quasi un rituale o un autentico momento di gratificazion

08/11/2016

Email marketing & eCommerce: la guida per Natale

È alle porte il periodo dell’anno più intenso e potenzialmente più redditizio per chi si occup

12/04/2017

Italia, cresce il gioco online nel 2016: +25 rispetto al 2015

È un settore decisamente in crescita, quello del gioco online. Da qualche anno a questa parte, il

03/11/2016

Nielsen, The Rise of Italian Consumer Confidence

Si posiziona a quota 57 l’indice di fiducia Nielsen dei consumatori italiani, in

17/01/2017

Journey 2020 Digital Shockwaves in Business

Come si evolverà il business da qui a pochi anni? Lo ha svelato Atos nel suo

08/11/2016

eCommerce, From Black Friday to Christmas

Manca poco al Black Friday, tradizione americana ormai sbarcata in Italia da diversi anni, glorific

05/04/2017

BIT Revolution

Si è conclusa ier a fieramilanocity e MiCo Bit - Bo

07/11/2016

Italian Referendum Sentiment

Qual è l’orientamento dei cittadini che usano internet riguardo al referendum costituzionale che

14/04/2017

"Health/Wellness: food as medicine" di Nielsen: in Italia il cibo chiede più informazioni

Che il cibo il Italia, nella grande maggioranza dei casi, sia diventato ben più di un fenomeno di

07/04/2017

Design For Smart Work

Anche il design, la luce, il colore contano. Anche quando si parla di lavoro: un ambiente migliore

MyMarketing.Net
é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Milano n. 327 del 10/05/2004 - Un progetto by TVN srl (P.Iva: 05793330969)