stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 27 Ottobre 2014

Brand Revolution: c’è un’impresa che deve crescere

Si sente spessissimo pronunciare, soprattutto tra gli addetti ai lavori, la parola 'branding'. E la maggior parte delle volte che la si usa si sottintende solo un re-design di carattere grafico dell'identità di un'azienda. In realtà operare un 'brandind' (o rebranding) è molto di più, rimane una delle forme più pure delle strategie di marketing, perché permette di avere una visione d’insieme, di definire strategie a medio e lungo termine e un percorso di crescita della marca. Dentro la sua accezione più estesa confluiscono molti valori che determinano il successo di un’impresa, la chiave di volta sta nel loro legame, nella capacità di coordinarli, nell’identificazione di un prodotto o di un servizio, nell’allineamento della cultura aziendale e nella definizione dei principi cardine su cui deve basarsi la marca in termini emozionali e allo stesso tempo concreti.

Questo importantissimo tema lo affronta “Brand Revolution: c'è un'impresa che deve crescere”, ebook gratuito (scaricabile qui) concepito e curato da Elena Sacco, coordinatrice del Master in Brand Management and Communication allo IED di Milano. Questo progetto, fortemente voluto da Alessandro Rimassa, direttore della Scuola di Management e Comunicazione IED, capitalizza e vuole dare voce alla produzione culturale innovativa realizzata da IED all’interno dei propri percorsi didattici. Il testo è stato presentato lo scorso lunedì 20 ottobre nell'Aula Magna dello IED (Istituto Europeo di Design): la serata, moderata da Filippo Selden (sales and marketing director Advance Medical), è stata aperta da Alessandro Rimassa, direttore della Scuola di Management e Comunicazione IED, e ha visto la partecipazione nel par-terre, oltre a Elena Sacco la presenza di Lorenzo Foffani (head of digital strategist McCann-Erickson), Benedetta Jacopetti (brand manager Red Bull) e Claudia Canossa (responsabile risorse umane Milano Sport), che hanno dibattuto di branding e fare branding in Italia e nel Mondo. Perché l’azienda che oggi ha bisogno di vincere la sfida più grande è proprio l’Italia, l’insieme cioè delle tantissime imprese del nostro Paese, la maggior parte delle quali sono piccole e medie. Ma la sfida si vince soltanto se si punta sull’italianità, sul made in Italy, sull’italian factor: la qualità prima di tutto quindi, l'insieme alla valorizzazione della nostra tradizione, cioè alla narrazione dell’unicità dei nostri prodotti e servizi, che si realizza attraverso il branding.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net