stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 23 Aprile 2013

Digital Housewives

Si parla spesso di salto generazionale, di profondi distacchi tra genitori e figli; d'altronde, come scriveva Pennac, “i nostri figli sono anche figli della loro epoca, mentre noi eravamo solo figli dei nostri genitori”. Epoca in costante mutamento, che sradica molti dei paradigmi cari ai nostri padri (e madri). Molti, ma non tutti: lo conferma l'ultima indagine di Casa.it e alfemminile.com, dedicata all’osservatorio delle tendenze del mondo femminile in relazione alla casa.

Il salto generazionale sopra citato emerge soprattutto, per quanto riguarda il mondo femminile, nel campo del distacco dal 'nido famigliare': se, infatti, fino a 50 anni fa l'87% delle donne lasciava la casa dei propri genitori solo una volta sposati, oggi il 35% delle intervistate afferma di averlo fatto prima di convolare a nozze, il 23% di averlo fatto quando è andata a convivere, il 14% quando ha iniziato gli studi e il 12% quando ha iniziato a lavorare. Per quanto riguarda la gestione delle mansioni domestiche, invece, il grado di indipendenza conquistato dalle donne non è altrettanto alto: anche se il 51% dichiara che, a differenza dei genitori, il loro compagno contribuisce attivamente nelle faccende domestiche, resta però un forte zoccolo duro (il 42%) che dichiara di non ricevere alcun aiuto dal compagno, esattamente come accadeva alle proprie madri.

Se escludiamo le piccole riparazioni, che per il 66% dei casi sono un compito del compagno, a conti fatti restano a carico delle donne la maggior parte delle incombenze domestiche: il 51% delle intervistate dichiara di essere principalmente lei ad occuparsi dei lavori casalinghi e un 23% non nasconde di essere l’unica a prendersi cura della casa. Il lavoro è diviso equamente solo nel 16% dei casi. Le mansioni che gli uomini si prendono in carico più spesso sono: svuotare la pattumiera (46% dei casi) apparecchiare/sparecchiare la tavola (38%) e prendersi cura del giardino/balcone (36%). I figli, invece, preferiscono apparecchiare/sparecchiare (13%) e caricare/scaricare la lavastoviglie (5%). In questo scenario dove sono le donne a 'reggere il peso della casa' non stupisce che i comportamenti che più irritano nella convivenza siano quelli che le costringono ad aumentare la mole di lavoro. Al primo posto (27%) i  vestiti e le scarpe disseminate per casa, seguono i piatti sporchi nel lavandino (18%) e gli schizzi d’acqua sugli specchi/pavimenti (17%). Nonostante il quadro emergente dai dati e sebbene le donne siano sempre di più madri e lavoratrici, le intervistate dichiarano di non rinunciare a prendersi cura della casa:  addirittura il 37% dichiara di farlo tutti i giorni, il 26% 1-2 volte alla settimana e il 19% 3-4 volte alla settimana; solo il 18% si dedica alla casa unicamente nel week end.

“La collaborazione con alfemminile.com prosegue con una survey dedicata alle donne 2.0” dichiara Daniele Mancini, AD di Casa.it, “che, anche se sempre più indipendenti e 'tecnologiche', rimangono profondamente legate alla casa che si conferma, dunque, una delle componenti fondamentali della loro vita, anche per quanto riguarda la sfera sociale”. “Ancora una volta l’osservatorio delle tendenze femminili legate alla casa ha tracciato un quadro preciso e interessante di come le donne moderne gestiscono in autonomia e con iniziativa l’ambiente domestico” dichiara Simona Zanette, Country Manager e Amministratore Delegato di alfemminile.com. “La solida collaborazione tra alfemminile.com e Casa.it ha permesso di confermare come le donne siano il pilastro della casa: realtà a volte decisa per scelta, a volte invece imposta dalle circostanze o dalla cultura familiare. L’emancipazione però avanza con segnali chiari: sempre più donne, infatti, decidono di andare a vivere da sole, indipendentemente dalla presenza di un compagno”.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net