stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 14 Maggio 2013

Diversity Marketing

Il diversity marketing continua a fare proseliti. che, secondo le ultime ricerche a livello europeo, possono vantare una maggiore disponibilità di reddito, un'istruzione media più elevata, una maggiore possibilità di consumi. AMMandmore.com, il marketplace di T21, prima Alternative Media Company italiana, si apre al marketing per questo settore pianificando campagne con eventi, azioni sui social network, su mobile e sul famoso portale di Gay.it.

Sebbene i gay rappresentino una minoranza pari a circa il 5-10% della popolazione italiana, tuttavia costituiscono oggi un segmento molto appetibile per le aziende: dall’abbigliamento alla musica, dai viaggi all’intrattenimento, il mercato LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender) è un target con forte appeal cui va aggiunto 1 milione di persone che pur non essendo gay frequentano questa realtà, in quanto più creativa, trendy, divertente: i cosiddetti gay friendly. Dalle ricerche sugli atteggiamenti di questi settore emerge una maggiore propensione generale al consumo, con una minore attenzione ai prezzi. A livello qualitativo si evidenzia tra i consumatori LGBT una maggior concentrazione rispetto alla media di 'early adopter' per i consumi tecnologici, di 'trend setter' per quelli voluttuari, di 'opinion leader' per quelli culturali.

Su AMMandmore.com sarà possibile consultare l’intera offerta di Gay.it a partire dalla testata giornalistica registrata che, con 18 canali tematici aggiornati real time, coinvolge ogni mese 600,000 utenti su diverse piattaforme: web, mobile, app, ed anche eventi live. L’offerta mobile raccoglie la parte più dinamica del target, un pubblico che consuma molto web e poca tv generalista, con l’app della testata online, della community ed una guida geolocalizzata che presenta associazioni, esercizi commerciali, eventi gay e gay friendly intorno all’utente. Inoltre, l'agenzia dedica a Gay.it diverse schede media con foto, video, dati e case history fornendo una visione d’insieme per gli inserzionisti che vogliono essere dentro la community, ma fuori dal comune! Ideale per aziende innovative è un’opportunità di marketing verticale, strategica e cost effective scelta già da grandi marchi.

Anche Nike ha lanciato la propria campagna dedicata al mondo dei gay. Come riporta infatti Bloomberg Business Week, ogni grande atleta che dichiarerà la propria omosessualità potrà diventare uno dei punti di riferimento degli sponsor del colosso americano. Come riporta il magazine, prima ancora che Rick Welts, presidente dei Golden State Warriors, fece il suo coming out, l'azienda chiese a Welts di 'consegnare un messaggio a chiunque pensi di diventare il primo atleta apertamente gay in grande squadra statunitense della Major League, poichè la società lo vuole come endorser. Il giocatore che lo farà rimarrà stupito dalle ulteriori opportunità che saranno messe sul tavolo' ha dichiarato Welts a Bloomberg. Nike sta quindi preparando una grossa campagna con protagonisti i gay: il colosso americano non è nuovo a pubblicità mirate a stupire il pubblico. Comunque, i diritti dei gay si stanno posizionando sempre sotto la luce die riflettori dei campi di gioco americani: recentemente infatti la NHL e il corrispondente sindacato hanno firmato un patto con il You Can Play, diventando il primo grande campionato maschile di fare una politica di inclusione ufficiale dei gay.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net