stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 29 Ottobre 2013

Knorr and Agricultural Sustainability

Per un brand alimentare, vista l'importanza che la sostenibilità sta ricoprendo nelle politiche di business, le corrette politiche agricole sono fondamentali. E così anche Knorr, storico brand di Unilever, annuncia importanti progressi nelle sue politiche di approvvigionamento agricolo sostenibili, e lo fa in occasione del suo centosettantacinquesimo compleanno; e, nel frattempo, presenta i risultati di una nuova ricerca globale su attitudini e modalità di acquisto dei consumatori.

Lo studio dimostra quanto la sostenibilità alimentare non sia più solo un imperativo ambientale di business, ma soprattutto una priorità per i consumatori di tutto il mondo, compresi quelli dei mercati emergenti. I risultati hanno evidenziato in particolare che una percentuale molto alta (88%), concorda sull’importanza di rispettare  i terreni coltivati affinché siano fruibili anche dalle generazioni future; inoltre l’85% degli intervistati ritiene sia fondamentale che le organizzazioni globali, comprese le grandi realtà aziendali, insegnino le pratiche agricole sostenibili agli agricoltori con cui collaborano. Dato, questo, ancora più sentito e sostenuto nei mercati emergenti, come ad esempio in Cina (98%), Brasile (97%) e Sudafrica (96%). L’84% degli intervistati afferma che sia importante sapere da dove provengono gli ingredienti dei cibi che consumano, mentre 3 persone su 4 dichiarano che sarebbero più interessati e disponibili all’acquisto se sapessero che il prodotto che consumano ha origine da ingredienti di provenienza sostenibile. Inoltre ritengono che il prodotto ne risulterebbe di migliore qualità.

La ricerca ha anche dimostrato che molti responsabili d’acquisto non sanno identificare le caratteristiche che rendono un prodotto alimentare sostenibile, solo il 36% dei rispondenti si dichiara in grado di farlo. Durante la conferenza stampa tenutasi a Heilbronn, in Germania, Paul Polman, CEO di Unilever, ha sottolineato quanto sia necessario un cambiamento: “La sicurezza alimentare è uno dei grandi temi del XXI secolo. Nell’agricoltura si utilizza circa il 70% dell’acqua disponibile, un terzo del cibo che produciamo diventa rifiuti e questi rifiuti costano circa 70 miliardi di dollari, secondo le stime della FAO, l’Organizzazione Mondiale delle Nazioni Unite che si occupa di agricoltura e alimentazione. Dovremmo essere tutti indignati da un mondo così evidentemente sbilanciato.” Paul Polman ha aggiunto che Unilever e i brand alimentari più importanti, come Knorr, hanno il peso e l’influenza giusta per agire. Il Presidente Unilever Foods Category Antoine de Saint-Affrique ha illustrato il percorso di Knorr verso un maggiore approvvigionamento sostenibile: “vista l’importanza dell’approvvigionamento di verdure e aromi per i prodotti Knorr, la brand è riuscita a fare della sostenibilità agricola una priorità strategica”.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net