stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 5 Giugno 2017

Le reputazione nel mondo automotive

Automotive

Siamo un popolo che ama le automobile, e che ha dato i natali ad alcuni dei marchi più famosi e prestigiosi al mondo. Non è un caso che le prime 3 case classificate nella Italy Automotive RepTrak 2017 di Reputation Institute siano nate in casa nostra; la classifica ha infatti messo in fila le aziende di automotive che godono della più alta reputazione presso la popolazione italiana, tra marchi del bel paese e quelli stranieri.

 

I primi dieci posti della classifica sono di: Ferrari (84,2), Maserati (83,5), Lamborghini (82,5), Audi (81,4), Porsche (81,0), BMW Group (80,6), Bosch (80,0), Michelin (79,9), Mercedes Benz (79,5), e Ducati (78,1). “L’automotive risente ancora degli effetti del “dieselgate”: dopo il crollo dello scorso anno, anche nel 2017 la reputazione del settore è in leggera flessione”, ha evidenziato Fabio Ventoruzzo, Director Reputation Institute durante la presentazione dei risultati ai principali player del settore. “L’automotive, come conseguenza delle continue vicende legate alle emissioni, sta depauperando il forte legame emotivo che aveva saputo costruire con gli italiani, in controtendenza rispetto alla reputazione media delle aziende in Italia che, invece, anno dopo anno sta crescendo”. A conferma di un legame fortemente aspirazionale, gli italiani guardano anche all’estero, in particolare verso la Germania. Sono infatti tedesche le prime tre aziende straniere che godono di una reputazione forte presso i consumatori: Audi (81,4), Porsche (81,0) e BMW Group (80,6). Grazie al lancio di due nuovi modelli di assoluto successo come la Giulia e la Stelvio, Alfa Romeo sale in classifica fino al 23° posto (72,6), staccando nettamente Hyundai (70,7), Mini (70),  Smart (63,8), Volkswagen (63,3), quest’ultima in ripresa (+6,6 pt) dopo l’annus horribilis del 2016. Nella parte bassa della Italy Automotive RepTrak 2017, si conferma la debolezza di marchi come FIAT, che occupa l’ultima posizione della classifica.

 

“Nel settore automotive, dove si registra la presenza di grandi player di dimensioni globali che raggruppano diversi marchi, sono piuttosto evidenti le potenzialità inespresse di una brand architecture che valorizzi il contributo reputazionale dei singoli brand: ad oggi, infatti, nessuna grande azienda del calibro di FCA, Volksvagen e Daimler ha saputo fare leva sui marchi più prestigiosi e apprezzati per lavorare sulla reputazione del gruppo che, infatti, si trova appiattita sui marchi più tradizionali ma con meno appealing”, ha concluso Fabio Ventoruzzo. Allungando lo sguardo oltre alle case automobilistiche, Bosch (80) player globale nel settore delle tecnologie e dei servizi nell’automotive si aggiudica il gradino più alto del podio nel settore componentistica generale. Nel settore spicca la performance di Brembo (77.7), l’azienda leader mondiale nella costruzione di impianti frenanti. A Michelin (79,9) il gradino più alto del podio per il settore pneumatici, un settore estremamente competitivo dove anche Pirelli (77,5), facendo leva sull’innovazione, si conferma tra le aziende con la reputazione più forte.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net