stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 13 Aprile 2015

Spotify vale 8,4 miliardi

La nascita di Tidal non sembra aver scosso più di tanto Spotify. È delle ultime ore, infatti, la notizia che al settimo giro di raccolta fondi il famoso servizio di streaming musicale abbia raccolto oltre 400 milioni di dollari, una cifra grazie alla quale la valutazione del servizio schizza a 8,4 miliardi, segno che gli investitori in Spotify ci credono, nonostante alcuni recenti problemi.

Spotify si afferma quindi come una delle società hi tech con più valore al mondo; tuttavia il servizio nato a Stoccolma ha un continuo bisogno di liquidità, per riuscire a tenere in piedi il suo costoso business. Un business che si rivela in perdita: come sottolineato più volte da Universal Music Group, Sony Music Entertainment e Warner Music Group (tre case discografiche che controllano il 15% della società), la sola pubblicità non riesce a coprire i costi, visto anche la distribuzione di quasi il 70% dei ricavi ai titolari dei diritti della musica che mette a disposizione. Proprio in questo senso i tre colossi stanno premendo per convertire in abbonamenti la musica gratuita presente sul servizio in streaming; per il momento Spotify tiene botta, e non abbandona uno dei motivi del suo successo.

Nel frattempo, comunque, l'ultima valutazione del servizio pone Spotify a più del doppio del valore del suo diretto concorrente, Pandora, valutata in 3,5 miliardi di dollari. “Al nuovo round di finanziamenti raccolti hanno partecipato Goldman Sachs e il fondo sovrano di Abu Dhabi. Secondo alcuni analisti, Spotify ha chiuso il 2014 con ricavi per 1,3 miliardi di dollari e a 8,4 miliardi di dollari è valutata 6,5 volte i suoi ricavi, più di Pandora. Spotify in settembre era valutata 5 miliardi di dollari. Con la disponibilità di liquidità sui mercati privati, Spotify così come altre start up tende a restare privata più a lungo: nel 2014 la media d’età di una società americana che sbarcava in Borsa era di sette anni, più dei tre anni del 2000” sottolinea La Stampa.

Fonte immagine: Mashable

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net