stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 17 Luglio 2014

The Social World Cup

Altro che i verdi prati degli stadi brasiliani: sono moltissimi i match che hanno accompagnato questa edizione dei Mondiali, match che in buona parte si sono svolti sulle maggiori piattaforme social del mondo. E così un tutto contro tutti a colpi di post, tweet e foto ha incoronato numerosi vincitori nella speciale classifica delle interazioni digitali: grazie ai servizi di monitoraggio di SocialBakers e sulla scia delle Olimpiadi Invernali di Sochi, Softec ha analizzato l’enorme volume di buzz generato dall’evento calcistico, al fine di decretare i vincitori (social) della Coppa del Mondo.

La Social World Cup ha analizzato oltre 60 protagonisti del Mondiale (tra giocatori, WAGS e brand) sulle 4 maggiori piattaforme social (Facebook, You Tube, Twitter e Instagram): un perimetro di oltre 200 profili diversi che hanno creato un vero e proprio “rumore di fondo sportivo” sul web.
Il risultato è una fotografia di come ciascun protagonista ha usato, sfruttato e fatto leva sui Social Network per aumentare la propria visibilità. Il giocatore che durante l’evento ha garantito il miglior engagement rate sui social network è stato Giovani dos Santos, centrocampista del Messico: con il 34,76% di engagement ha sopravanzato Altidore, Dempsey e Guarin.

Per quanto riguarda i Brand più coinvolti con il Mondiale, è stata registrata una salutare etereogeneità dei risultati, sebbene si possa considerare Adidas come il vincitore (ai punti); in particolare, Kia Motors porta a casa il trofeo di Facebook World Cup Champion, grazie ad un engagement rate medio dello 0,93%; Budweiser ha mostrato un’ottima padronanza di Twitter, garantendosi il trofeo dedicato grazie ad un engagement rate dello 0,64%, e Coca Cola si è aggiudicata la coppa della Social World Cup Revelation, grazie al miglior incremento percentuale della sua base fan/follower (29%). Infine Adidas si aggiudica ben due riconoscimenti: quello del Miglior Engagement su You Tube (oltre 188 milioni di visualizzazione per i propri contenuti e un enegagement rate dell’1,93%) e Instagram (8,07% di engagement) dimostrandosi molto attenta all’ideazione e diffusione di contenuti multimediali.

Adidas ha sopravanzato Nike, altro gigante dell’abbigliamento sportivo in ben 5 categorie sulle 7 previste, aggiudicandosi la finale dei Brand: mentre Nike si consola con un Miglior Engagement su Facebook e una crescita superiore della base fan/follower, Adidas primeggia invece per l’Engagement generale su Twitter, You Tube, Instagram, e sono suoi anche il Miglior Engagement di un Post su Facebook (singolo) e di una  foto su Instagram (singola)

Grazie alla foto con il trofeo e la presenza di Angela Merkel, Lukas Podolski si è aggiudicato il premio del Miglior Selfie di un giocatore: la sua foto ha avuto in poche ore oltre un milione di interazioni su Facebook (al momento della chiusura dell’analisi). Irina Shayk ha permesso anche a Cristiano Ronaldo di aggiudicarsi indirettamente un premio: è sua la foto che ha garantito il maggior numero di interazioni su Instagram, facendole vincere l’ambito premio del Best Selfie World Cup Wag.

E l’ormai celeberrimo morso di Suarez? Sembra abbia portato bene ai suoi profili social: oltre 1,4 milioni di fan in più su Facebook e quasi 550.000 su Twitter, con un totale di oltre 2,2 milioni di interazioni. Bene o male, basta che se ne parli, sembrerebbe.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net