stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 4 Gennaio 2019

Milano è la città più creativa d’Italia, seguita da Firenze e Napoli

Lo studio Creative City Index di Airbnb incorona Atene a livello internazionale

Il noto sito di ricerca alloggi ed esperienze Airbnb, vanta un altissimo numero di alloggi tutti unici e particolari. Essendo luoghi di vita di altre persone ognuno porta il marchio di chi ci ha abitato o comunque l’ha sistemato secondo un gusto personale che li differenzia gli uni dagli altri. Anche da questi fattori è partito lo studio “Creative City index” lo studio che classifica le città europee in base al loro tasso di creatività. Al primo posto a livello internazionale troviamo Atene, mentre per l’Italia è Milano la città più creativa.

La ricerca analizza fattori, interni ed esterni alla piattaforma, con l’obiettivo di identificare le città più creative d’Italia ed Europa. Senza troppa sorpresa Milano è sul podio italiano, ma, allo stesso tempo, si notano interessanti dati sulle città più piccole. Se al secondo posto si trova infatti Firenze, da sempre culla della cultura e dell’arte, sono Napoli, Torino e Palermo ad attrarre l’attenzione.

  1. Le città più creative in Italia ed Europa
  2. Il tasso di creatività della Community
  3. Metodologia


Le città più creative in Italia ed Europa

  1. Milano
  2. Firenze
  3. Napoli
  4. Torino
  5. Palermo

Indagando fattori quali il numero di studi di fotografia, studi d’arte, sale da concerto, gallerie d’arte e cinema presenti in città, i risultati dello studio mostrano più di un dato interessante. In proporzione al numero di abitanti, ad esempio, è Napoli, a sorpresa, la prima città in Italia per numero di gallerie d’arte. Palermo risulta invece prima per studi di fotografia. Mentre se Firenze guida la classifica col maggior numero di centri educativi legati all’arte, Torino si aggiudica il curioso titolo di città con più studi di tatuaggi. Il podio di Milano, infine, è da ricondursi al numero, ampiamente sopra la media, di spazi di coworking e start-up attive.

In Europa, invece al primo posto si colloca Atene, seguita da Parigi, Bruxelles, Lisbona ed Edimburgo.


Il tasso di creatività della Community

A determinare la classifica delle città più creative sono anche fattori interni alla piattaforma. Parte integrante dello studio è infatti l’analisi del “tasso di creatività” della Community Airbnb, un bacino di utenti che solo in Italia conta oltre 200mila Host per un totale di oltre 400mila annunci.

Analizzando i profili degli utenti, il Creative City Index identifica gli Host che si definiscono artisti, poeti, scrittori, musicisti o filmmaker. Ne emerge un quadro che vede una Community di Host creativi particolarmente solida a Firenze, dove il 2,5% degli Host si definisce tale, seguita da Palermo col 2,25% e Napoli col 2,20%.

“Sono nato in una famiglia di artisti, mio nonno era un noto pittore fiorentino. La nostra casa di famiglia è anche il luogo dove di generazione in generazione abbiamo conservato le nostre opere d’arte e dal 2016 ho deciso di aprirla ai viaggiatori di Airbnb che oggi possono soggiornare nelle camere della casa circondati dalle nostre tele” ha commentato Giulio, artista fiorentino Host Airbnb.


Metodologia

Lo Studio, realizzato da Reliance Research su commissione di Airbnb nel novembre 2018, analizza 100 delle città più popolose dell’Unione Europea e le classifica in base a una serie di criteri riconducibili a 4 macro-categorie: ‘Creative Community’, ‘Creative Homes’, ‘Creative Hubs’, ‘Creative Recreation’.

Le prime due categorie – ‘Creative Community’ e ‘Creative Homes’ – analizzano fattori interni alla piattaforma quali il numero di host Airbnb che nel proprio profilo utente si definisce artista, poeta, scrittore, musicista o filmmaker e il numero di case Airbnb nelle cui descrizioni compaiono parole chiave legate al mondo della creatività.

Le categorie ‘Creative Hubs’ e ‘Creative Recreation’ analizzano, invece, parametri esterni alla piattaforma e si riferiscono a tutti quei luoghi – pubblici e privati – e iniziative, che rendono una città “creativa”. Ecco quindi che nella categoria ‘Creative Hubs’ si trova il numero di studi di fotografia, studi d’arte, studi di tatuaggi, case di produzione cinematografica, spazi di coworking, acceleratori presenti in città; mentre in ‘Creative Recreation’, si analizzano il numero di gallerie d’arte, sale concerto, cinema, festival dedicati ad arte e musica, ma anche il numero di graffiti legali presenti sui muri della città.

Tags: -

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net