stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 11 Dicembre 2013

How Italy Invests on Video Adv

Il programmatic buying si rivelerà, nel corso del 2014, una delle forme di comunicazione più usate, più positive, più efficaci dell'intero panorama del marketing. E lì, dove trovano spazio gli acquisti programmatici e il bidding in tempo reale, si fa più forte l'online adv, come svela l'ultimo focus di Rocket Fuel, che ha deciso di analizzare il mercato del video pubblicitario digitale italiano.

Nonostante la pubblicità su display sia la tipologia di pubblicità dove il programmatic buying è più  avanzato, dal 2010-2011, quando YouTube ha abilitato la maggior parte del suo inventario video per il programmatic buying, le banche dati video hanno fatto passi da gigante, portando sotto la luce dei riflettori l''online video advertising. Formato che sta aumentando molto velocemente, più di qualsiasi altra tipologia di adv: secondo le previsioni, in Italia l’online video advertising avrà infatti una crescita del 3,9% nel 2013, che tra quattro anni, nel 2017, arriverà a +36% raggiungendo 63.2 milioni di euro. Grazie alla forza della video adv, l’Italia diventa un modello per tutta Europa.

In questo momento su Internet è presente un’enorme quantità di 'Pre-roll', brevi video clip da 15 o 60 secondi visualizzati prima che il video principale inizi. Basta dare un’occhiata ai numeri per capire quanto il video ha un ruolo importante nel digital advertising. Solo il mese scorso la tecnologia di Rocket Fuel ha registrato sui pre-roll oltre tre miliardi di impression disponibili e acquistabili in tutta Europa, di cui 350 milioni solo in Italia, e questo numero continua a crescere ogni mese. Esiste una quantità enorme di dati che permette di deliverare campagne video in modo molto più facile e meno costoso; il trucco è avere la potenza necessaria per sfruttare, analizzare e agire su di essa. “II video online è diventato uno dei canali più importanti e profittevoli del digital advertising, anche nel mercato italiano. Molte aziende preferiscono investire su questa tipologia di formato, perché  permette ai brand di testare la creatività prima di investire in TV” commenta Enrico Quaroni, Country Manager di Rocket Fuel Italia. “Non bisogna però dimenticare i casi in cui le campagne online ottengono talmente tante visualizzazioni che permettono alle aziende di non andare necessariamente on air in TV. Questa è la dimostrazione del fatto che l’online advertising può avere un forte impatto di qualità anche da solo”.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net