stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 16 Giugno 2014

Il Mondiale di Jeep

“Non solo un logo sulla maglia: la sponsorizzazione della Juventus è molto di più, è una condivisione di valori e di visione delle sfide, e ciò rende più profondo il legame tra Juventus e Jeep”. Le parole sono quelle di Sergio Munaò, responsabile della comunicazione di Jeep, che in occasione dell'ultima puntata della webserie della casa automobilistica con protagonista Andrea Pirlo ha commentato a MyMarketing.Net la profonda visione del mondo che lega il brand calcistico a Jeep.

È ‘Pirlo The Wizard’, la webserie in 5 episodi ideata da Independent Ideas, quella che vede protagonista la stella della Juventus, divenuta nel corso del tempo ambassador del marchio Jeep. Ultima puntata che vede protagonista proprio la partenza del giocatore verso il Brasile, terra quest'anno di mondiali, avviati nel migliore dei modi dagli azzurri grazie alla vittoria ottenuta contro l'Inghilterra. “La decisione è partita dalla volontà di adeguarci ai tempi, sappiamo che ormai il mondo si muove sempre più sul digitale e di quanto il media digitale abbia sempre più bisogno di contenuti” afferma, parlando del perchè il brand abbia deciso di avviare questa webserie, il responsabile Jeep. “Quindi insieme alla nostra agenzia abbiamo chiesto di sviluppare dei contenuti che potessero essere legati alla Jeep, legati alla nostra sponsorizzazione, che avessero come protagonista Pirlo, ambassador del brand Jeep; sono nate quindi 5 pillole, di cui questa è l'ultima, che hanno in se sia un'espressione delle capacità di Pirlo come calciatore, ma anche un tocco di ironia che rendono il contenuto divertente e viralizzabile sul web”.

In ogni episodio, Pirlo si esibisce in prodezze al limite del possibile, che confermano le sue tipiche magie balistiche dimostrate ogni volta sul campo da gioco, che gli sono valse il soprannome di ‘mago’. Nel quinto e ultimo episodio ambientato a Vinovo, caratterizzato dal divertente hashtag #tantavogliadibrasil, Pirlo tira una punizione che supera gli spalti ed entra nel baule di una Jeep Wrangler parcheggiata. Parte l’autoradio che trasmette una samba e Pirlo, togliendosi la maglia della Juve, scopre una camicia floreale, indossa occhiali da sole, sale e parte sull’auto che ha una targa brasiliana. Una webserie che ha riscosso successo su Internet: come afferma lo stesso manager, “nei primi tre o quattro giorni della messa in onda eravamo intorno ai 65mila/70mila visualizzazioni per video; senza nessun tipo di investimento a supporto, è stato tutto traffico naturale sulla visione della pillola”. “Rispetto agli anni precedenti abbiamo incrementato notevolmente l'investimento sia sulla produzione dei contenuti, sia sull'approccio alla pianificazione di tipo digitale, sia dal punto di vista CRM, che stiamo comunque rivedendo e potenziando quanto più possibile; è in atto un processo e una volontà di essere più digitali, a 360°, da parte di Jeep”.

“Tutte le volte che affrontiamo una sponsorizzazione cerchiamo di affrontarla nel modo più completo possibile” conclude Sergio Munaò; “oltre ai normali diritti che vengono da una sponsorizzazione, dal logo sulla maglia alla visibilità a bordo campo, dalla possibilità dell'utilizzo del video-led alla possibilità di effettuare attività di CRM sullo stadio, questa parte da quelli che sono i valori del brand e i valori della squadra sponsorizzata. I nostri valori li ritroviamo tutti in una squadra vincente, come la voglia di affrontare ogni sfida ogni giorno come se fosse un'avventura, la passione e la libertà mentale nell'affrontare queste sfide, l'autenticità, perchè così come Jeep è un brand unico, anche Juventus è una squadra unica nel suo genere”.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net