stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 2 Dicembre 2014

La forza dell’mcommerce italiano

Da 'futuro' a 'presente' degli acquisti, da 'prospettiva' a vera e propria 'realtà' per il business di oggi, anche per quello italiano. Si è parlato di mcommerce nel terzo appuntamento di NetcommConnect, il ciclo di incontri focalizzati su alcuni dei temi più rilevanti dell’ecommerce organizzato dal Consorzio Netcomm con il supporto di Showroomprive.com.

Il successo degli acquisti da piattaforme mobili in Italia è confermato dagli ultimi dati dell’Osservatiorio eCommerce B2C del Politecnico di Milano e Netcomm, secondo il quale le vendite via smartphone registrano un incremento del 100% nel 2014, superando gli 1,2 miliardi di euro, pari al 9% dell’eCommerce complessivo. Se si aggiungono quelle via tablet, l’incidenza delle vendite da dispositivi mobili raggiunge il 20% del totale eCommerce. Tra i fattori che determinano la crescente diffusione del mobile commerce gioca sicuramente un ruolo chiave l’alto livello di penetrazione degli smartphone nel nostro Paese. “Gli acquirenti online in Italia nell’ultimo anno hanno superato i 16 milioni, di cui 10 milioni sono consumatori abituali, cioè quelli che effettuano almeno un acquisto al mese, mentre 6 milioni sono acquirenti sporadici” afferma Roberto Liscia, presidente di Netcomm. “Durante gli ultimi 3 mesi il 18% di questi 16 milioni di acquirenti online, ha fatto almeno un'esperienza d'acquisto utilizzando un'App su Smartphone e l'11% almeno un acquisto utilizzando un'App su Tablet (il 6% su entrambi i dispositivi). La quota di acquirenti da App sul totale degli acquirenti online è passata dal 20 al 23 per cento nel giro di tre mesi. Si tratta di un segmento di consumatori molto interessanti, in quanto acquistano con importi medi più elevati (la spesa media annua degli acquirenti online italiani che è di 1.000 euro, per uno scontrino medio compreso tra 80 e 100 euro) e con frequenza maggiore della media. Lo smartphone si presenta, quindi, come una cerniera di connessione tra i due mondi ed è a tutti gli effetti il vero nuovo luogo di acquisto, indipendentemente dalla compresenza o meno di acquirente e merchant.”

“Lo sviluppo del mobile è per noi molto importante” conferma Virginia Hernandez, International PR Manager and Business Development di Showroomprive.com. “Per quanto riguarda il target femminile, a cui principalmente si rivolge la nostra offerta, una nostra recente indagine a messo in luce le caratteristiche della Digital Woman: una donna che deve ottimizzare il tempo al massimo e cerca convenienza, velocità, sicurezza ed efficienza quando acquista un bene o un servizio. Gli acquisti online e il mobile commerce soddisfano proprio queste necessità. Dalla nostra indagine emerge che Il 33,1% delle donne è sempre connessa a Internet via smartphone e lo consulta ogni volta che riceve una notifica mentre Il 23,50% delle donne italiane usa telefoni cellulari o tablet per fare acquisti e poter comprare ciò di cui ha bisogno da qualsiasi luogo, risparmiando tempo”. Dalla stessa indagine emerge inoltre che le italiane utilizzano i propri dispositivi mobili in contemporanea ad altre attività: il 39,50% delle intervistate afferma di usare lo smartphone o il tablet mentre guarda la televisione, il 32% li usa mentre si trova su un mezzo di trasporto (metro, bus, auto), l’8,5% mentre fa shopping in un negozio fisico, l’8,2% mentre aspetta i figli all’uscita da scuola, il 7,2% al lavoro e il 4,5% in ascensore.  

“In Italia la fruizione di Internet da mobile nel giorno medio supera quella da pc: 14,5 milioni contro 12,5  milioni di utenti, secondo dati Audiweb” commenta Daniele Albanese, Amministratore Delegato, JustBit. “Tra i fattori che motivano all’acquisto online assume grande rilevanza la presenza di offerte e sconti, questo vale infatti per il 48% delle persone, il 35% è mosso invece da recensioni e feedback mentre un altro 31% dalla presenza di una carta fedenltà (dati Global Web Index Q1 2014).  Il mobile è diventato ormai una marcia in più nel business, noi forniamo un supporto completo ai clienti nella creazione e realizzazione di applicazioni mobile. Il nostro reparto R&D ha sviluppato una tecnologia di proximity marketing per punti vendita, inoltre  la nostra app MR. Spaghetti è stata top-App nella sezione lifestyele di Google ed è un esempio di App ludica che è in grado di generare business”.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net