stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 26 Maggio 2015

L’utilità del mobile banking

Il 36% degli italiani in possesso di smartphone utilizza oggi i servizi di mobile banking, ovvero gestisce il proprio denaro tramite smartphone o tablet. Per 9 italiani su 10 ciò ha migliorato la gestione del denaro: a dirlo è I’Indagine Internazionale ING sul Mobile Banking condotta da ING Bank: un dato in crescita rispetto ad un anno fa, quando secondo la stessa Indagine era il 23% dei connazionali a utilizzare mobile banking (dato calcolato in modalità leggermente differente, ma di fatto confrontabile con l’attuale rilevazione).

Le differenze tra i Paesi sottoposti alla survey non mancano. Sebbene in crescita, l’Italia si colloca al di sotto della media europea del 41% considerando l’intera popolazione bancarizzata. Sono i Paesi Bassi invece, con il 58% di utenti mobile banking, a registrare il maggiore utilizzo di servizi bancari mobile, seguiti dagli Stati Uniti con il 50% e dal Regno Unito con il 49% di risparmiatori attivi su servizi bancari digitali da dispositivi mobili. Nonostante l’uso del mobile banking nei paesi europei sia attualmente inferiore a quello di Stati Uniti e Australia (41% verso il 50% di USA e 44% dell’Australia) sono proprio gli Europei coloro che maggiormente sembrano propensi a passare a questi servizi nei prossimi 12 mesi: 15% rispetto all’8% degli Stati Uniti e al 9% dell’Australia. In Italia la propensione futura al mobile banking è ancora più spiccata: il 20% si dichiara propenso a passare ai servizi bancari digitali tramite smartphone e tablet nei prossimi 12 mesi.

Il mobile banking è sicuramente apprezzato per la sua convenienza, anche se dal suo utilizzo gli intervistati percepiscono molti altri vantaggi. In Europa, infatti, l’85% dei risparmiatori che utilizzano il mobile banking ha riscontrato grazie a questa tecnologia un miglioramento nella gestione delle proprie risorse economiche, sentendosi più “padroni” delle proprie finanze personali, essendo puntuali nei pagamenti e anche risparmiando maggiormente. Di spicco il dato italiano, dove addirittura il 90% degli intervistati dichiara di avere migliorato l’amministrazione dei propri risparmi grazie all’utilizzo dei canali digitali mobile.

Altro ambito dove il mobile ha introdotto nuove modalità di utilizzo dei servizi di pagamento, semplificando e velocizzando le decisioni finanziarie, è lo shopping. Secondo l’indagine di ING, infatti, in Europa e negli Stati Uniti più della metà delle persone che possiede un dispositivo mobile lo ha utilizzato per fare acquisti di beni e di servizi negli ultimi 12 mesi. L’Italia, con il 61% dei consumatori, è il Paese che ha registrato la percentuale più alta di clienti da mobile, preceduta solo dalla Turchia, dalla Polonia e dalla Romania. Sempre secondo l’indagine ING, il mobile shopping è più popolare tra gli uomini e gli under 35. Inoltre, le persone che utilizzano il mobile banking sono anche molto più inclini a diventare mobile shopper. Abbigliamento ed elettronica sono tra le categorie maggiormente acquistate tramite dispositivi mobili, con alcune eccezioni all'interno dei vari paesi europei, come ad esempio il Regno Unito dove da tablet e smartphone si predilige soprattutto l'acquisto di generi alimentari. E’ sempre più variegata, infine, la scelta relativa al metodo di pagamento a disposizione dei consumatori: dalle carte di credito ai pagamenti contactless, dalle app di pagamento mobile fino alle valute digitali come i bitcoin; anche se proprio riguardo alla nuova valuta digitale emerge ancora una certa diffidenza con solo il 28% dei consumatori europei che la considera il futuro degli acquisti online, ma solo un 4% dichiara di averla usata nell'ultimo anno.

Dalla ricerca di ING emerge anche un certo scetticismo nei confronti delle app di pagamento di operatori non bancari: l’84% degli intervistati ha, infatti, affermato di fidarsi più delle banche che dei gruppi come Google e Apple o dei social media, che non superano insieme un 9% di “fan”.
I servizi del mobile banking sono sempre più apprezzati anche dai clienti di ING Bank Italia, che da sempre poggia la propria offerta essenzialmente sui canali digitali. “In ING c’è oggi grande fermento in tema di digitale e innovazione – afferma Damiano Castelli, Head of Retail Banking per l’Italia – nuovi progetti in chiave digitale nascono ogni trimestre nelle varie country per offrire ai clienti un servizio sempre più distintivo e moderno. E’ stato anche creato un dipartimento dedicato all’innovazione che ogni anno seleziona a livello internazionale le migliori idee e proposte dei dipendenti per migliorare la vita dei clienti e consentire loro di essere “un passo avanti nella vita e nel business”. “Anche in Italia – prosegue Castelli – si registrano segnali di crescita nell’utilizzo del mobile banking, lo dimostra l’incremento di clienti attivi su canali mobile che dal 20% del 2014 è passato al 31% del 2015 e il numero di App mediamente scaricate al giorno: oggi siamo a quota 1.100 app scaricate ogni giorno, 150 in più al giorno rispetto ad un anno fa”. Una crescita che ben si sposa con la recente campagna di comunicazione “La banca che ti parla”, in cui ING Bank evidenzia l’importanza di costruire una nuova relazione basata su servizi in grado di semplificare la vita quotidiana: questo significa per ING essere una banca multicanale che è sempre accanto, e che “parla” al cliente.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net