stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 15 Dicembre 2016

2017, The Year of Mobile Payments

Pagamenti elettronici

Da un’analisi di Affinion

Dicembre: tempo di acquisti e corse frenetiche da un negozio all’altro per assicurarsi il regalo più giusto per i nostri cari. File ai Bancomat e un occhio sempre attento alle borse e alle tasche, ché i borseggiatori fanno affari d’oro in questo periodo. Molto meglio sarebbe poter uscire di casa senza portafoglio, Eppure questo desiderio potrebbe essere più a portata di mano di quel che si pensa. La possibilità di pagare tramite telefono cellulare è ormai infatti una realtà: che si faccia shopping online o di persona, la tecnologia di Apple Pay o del suo concorrente Android potrebbe, d’ora in poi, rendere inutile ricordarsi del portafoglio. Questo approccio più leggero e agile sembrerebbe destinato a conquistare, in un tempo ragionevole, anche gli italiani, tradizionalmente legati al contante. Ciò che i pagamenti mobili offrono è un più elevato livello di comfort e personalizzazione. Invece di portare in giro un portafoglio pesante, pieno zeppo di carte, contanti, ricevute e buoni, infilato a forza nella tasca posteriore dei pantaloni o sepolto nella borsa, è molto più facile raggiungere quell’oggetto senza il quale raramente si esce di casa: il cellulare.

La realtà dei fatti è che la vita senza portafoglio è più vicina di quanto si immagini. Infatti il 2017 potrebbe essere l’anno in cui le piattaforme di pagamento mobili diventeranno parte integrante della vita quotidiana. Nel 2016, a livello internazionale, abbiamo già visto tutta una serie di rivenditori accettare pagamenti tramite Apple Pay come, ad esempio, hanno fatto colossi multinazionali come Starbucks e KFC, e operatori locali come Yorkshire Bank nel Regno Unito e Boulanger in Francia. Quindi, quale sarà il punto di svolta per far decollare i pagamenti mobili anche in Italia? Secondo Affinion, si tratta di una questione di fiducia. Per un certo periodo l’espansione di questo sistema è stata ostacolata da preoccupazioni legate al tema della sicurezza, ma i dati recenti suggeriscono che le cose stanno cambiando.

I dati provenienti dell’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano, per esempio, mostrano che nel 2015 il numero delle transazioni digitali pro capite è stato di 44,1 contro le quasi 39 dell’anno precedente, ma si resta comunque molto lontani dalla media europea. L’Associazione Carte di Credito del Regno Unito conferma che il numero di pagamenti effettuati tramite la tecnologia contactless nel primo trimestre del 2016 è di gran lunga superiore a quello relativo all’intero 2015. Poiché questo comporta il semplice avvicinare una carta di credito ad una cassa senza inserire il PIN per pagamenti fino a 30 sterline, è evidente che i consumatori sono più disposti a dare maggior fiducia alla tecnologia.
Anche i provider di pagamenti via mobile stanno lavorando per modificare l’opinione pubblica sull’elemento sicurezza delle loro offerte. Apple ha Pay ha dichiarato che privacy e sicurezza sono al centro della sua tecnologia; e infatti quando si utilizza Apple Pay in un negozio, ristorante o altro esercizio commerciale, chi sta alla cassa non può vedere il nome, il numero di carta di credito e il codice sicurezza del cliente, contribuendo così a ridurre il potenziale di frode. Allo stesso modo Samsung ha riconosciuto che è importante mantenere sicure le informazioni personali e finanziarie e pertanto Android Pay utilizza conti virtuali, il che significa che i numeri di carte di credito o di debito reale non vengono inviati con i pagamenti.

PwC prevede che entro il 2019 il valore dei pagamenti mobili raggiungerà 142 miliardi di dollari rispetto ai 52 miliardi di dollari del 2014, una cifra che comprende non solo i pagamenti fatti utilizzando un telefono cellulare all’interno di un negozio, ma anche quelli fatti per lo shopping online. Si tratta di una crescita significativa che offre alle imprese un enorme potenziale per creare relazioni più strette con il proprio pubblico – che si tratti di clienti, stakeholders e investitori.
Questo engagement più profondo offerto dai pagamenti mobili crea inoltre grandi opportunità in termini di fidelizzazione dei clienti. Fino ad ora, i membri dei programmi di fidelizzazione hanno avuto bisogno di estrarre dai loro portafogli due carte: una per il pagamento e l’altra per guadagnare punti. Quando le persone hanno poco tempo, la tentazione è spesso quella di pagare in fretta e dimenticare la carta fedeltà. Online le cose non sono molto differenti.

Questo significa che le imprese stanno perdendo preziose opportunità di costruire relazioni più strette con i loro clienti. Se le due carte fossero una cosa sola – quella per i pagamenti e quella fedeltà – l’intero processo potrebbe essere eseguito più agevolmente.
C’è da chiedersi allora perché, proprio quando i pagamenti mobili stanno cominciando a guadagnare terreno, le aziende non si impegnino maggiormente in programmi di fidelizzazione e iniziative speciali legati al mobile. Secondo Affinion le due cose combinate offrono un’opportunità unica per conoscere il cliente e stabilire una relazione di engagement. Proponendo offerte e esperienze su misura e interagendo direttamente con i clienti tramite il loro cellulare – sempre più visto come un’estensione di sé stessi – le imprese hanno più opportunità che mai per promuovere la fedeltà.

Antonio Di Salvo, Country Manager di Affinion in Italia ha dichiarato: “Sappiamo per esperienza che la fedeltà offre un enorme potenziale alle aziende che cercano di crescere e alcuni dati pubblicati dall’Harvard Business Review supportano questo punto di vista. Gli esperti di fedeltà Federico Reichheld e Phil Schefter hanno rilevato che incrementare del 5% il tasso di ritenzione cliente aumenta i profitti dal 25% a 95%. Essi sottolineano che la maggior parte dei clienti on-line di oggi mostrano una chiara propensione verso le tecnologie di fidelizzazione e che tali strumenti web, se usati correttamente, possono ulteriormente incrementare questa attitudine.
Per la maggior parte delle aziende, quindi, acquisti ripetuti e clienti fedeli rappresentano il fondamento per la crescita. Con l’aiuto della tecnologia moderna, si può mettere in atto una strategia per ottenere entrambi i risultati – anzi, esplorare e valorizzare le opportunità legate ai pagamenti mobili per conto dei nostri clienti è qualcosa su Affinion sta lavorando da tempo. Anche per i consumatori lo spostamento verso un approccio più snello, dove il portafoglio può essere lasciato a casa a vantaggio dello smartphone, potrebbe ridurre la complessità in molti aspetti della loro vita.”

 

Fonte immagine: businesswire.com

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net