stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 2 Maggio 2013

The Potentiality of Big Data

innovazione, aziende

Nel 2013 saranno i Bag Data a tenere banco. In particolare, le nuove tecnologie applicate alle risorse umane potrebbero dimostrarsi una vera e propria miniera d'oro: lo dice l'Osservatorio HR Innovation Practice del Politecnico di Milano, nel suo focus annuale sulla IT.

Il mercato della business intelligence italiano, secondo i dati diffusi dall'osservatorio, valge circa 450 milioni di euro; circa 200 milioni di euro, però, cioè il 44,6% del totale, è relativo solamente all'utilizzo di queste nuove tecnologie nel campo degli uffici di amministrazione e HR. “Convertire i dati in informazioni utili a prevedere tendenze e a prendere decisioni strategiche è determinante per il lavoro di qualsiasi funzione aziendale” spiega Linda Gilli, presidente e AD di Inaz, società specialista in soluzioni software e servizi per amministrare e gestire le risorse umane. “Nel caso dell’area HR, i Big Data non devono nemmeno essere reperiti da fonti esterne, perché le aziende li hanno già in casa: si tratta di una miniera di informazioni sul capitale umano che però in molti casi rimangono nascoste, perché impossibili da gestire con gli strumenti tradizionali. Ma oggi, in tempi in cui si sta più che mai attenti ai costi e occorre prendere decisioni rapide, per le aziende grandi e piccole disporre di informazioni dettagliate e affidabili sul proprio personale è una questione vitale”.

Quello della business intelligence sta diventando un mercato sempre più protagonista del settore IT. Se già le cifre italiane stanno attraversando un buon momento, segnalando come nel 2015 il giro d'affari diventerà sei volte più ampio del 2010, anche a livello internazionale i Big Data conoscono solo numeri molto positivi. Il report IDC dal titolo 'Worldwide Big Data Technology and Services 2012-2015 Forecast' ci mostra come il valore di questo mercato è destinato a crescere con un tasso composto annuo (CAGR) del 40%, passando dunque dai 3,2 miliardi del 2010 ai 16,9 del 2015; il tasso risulta addirittura essere sette volte superiore a quello della crescita del mercato ICT nel suo complesso. In particolare, la componente server crescerà del 27,3%, quella software del 34,2% e quella storage addirittura del 61,4%. Tuttavia, il report svela richiama anche la mancanza di risorse umane qualificate per la gestione di queste nuove tecnologie: se da un lato, però, questo fattore potrebbe porre frenare l'imponete crescita del settore, dall'altro sia fornitori di tecnologie IT più consolidati sia start-up potrebbero sviluppare nuove soluzioni di servizi cloud.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net