hit
counter
Logo MyMarketingNet Small

Lavoro, 4 consigli per attirare giovani talenti in azienda

Lavoro, 4 consigli per attirare giovani talenti in azienda

.In un mondo fatto di e comunicazione alla portata di tutti e di estrema visibilità, il rischio di perdere il profilo adatto per la propria azienda è piuttosto alto. E questo discorso vale ancora di più per i giovani e i neolaureati. Nonostante siano molte le aziende alla ricerca dei migliori talenti, ancora poche riescono a capire al meglio cosa cercano i ragazzi di oggi in un lavoro. Ha provato a capirlo Uniplaces, che ha intervistato circa 500 giovani italiani per comprenderne le priorità nella ricerca di un’occupazione. Dallo studio sono emersi chiaramente quattro elementi che ogni azienda dovrebbe tenere presente per migliorare la propria attrattività.

 

  1. Lo stipendio prima di tutto
  2. Offrire prospettive di crescita in azienda
  3. Giocare la carta del business travel
  4. La distanza non conta

 


Lo stipendio prima di tutto

Il mito vuole che i Millennial si preoccupino poco all’ammontare dello stipendio, ma è giunta l’ora di sfatare questa convinzione. Più di un intervistato su due (53%) afferma infatti di guardare molto alla retribuzione per decidere se accettare o meno l’offerta da parte di un’azienda. Non c’è da stupirsi, del resto: per un neolaureato, entrare nel mondo del lavoro significa soprattutto raggiungere l’indipendenza economica. Uno stipendio adeguato fa quindi parte delle aspettative, ed è interpretato come un grande segnale di fiducia da parte dell’azienda.

 

Le attese economiche dei giovani variano in base alla loro formazione. I laureati in discipline scientifiche, per i quali la domanda è in genere molto elevata, ambiscono a una retribuzione iniziale non inferiore ai 1.200 euro; chi ha studiato materie umanistiche punta invece a una cifra compresa tra i 900 e i 1.200 euro. Tutti sono però d’accordo su una cosa: per attirare i migliori talenti, un’azienda non può offrire posizioni di responsabilità sottopagate. L’eccellenza, come in tutte le cose, ha un costo.

Il mercato del lavoro italiano registra fortissime disuguaglianze: le difficoltà dei laureati italiani nello studio Bocconi e J.P. Morgan


Offrire prospettive di crescita in azienda

Una buona notizia per le aziende: i giovani italiani non sono particolarmente propensi a cambiare lavoro molto spesso, ma cercano anzi aziende disposte ad accoglierli e farli crescere internamente. Il 47% degli studenti intervistati dichiara infatti di valutare una proposta anche sulla base delle opportunità di carriera che offre. Si tratta di un aspetto prioritario, che i giovani valutano non solo prima di firmare il contratto, ma anche lungo tutta la propria esperienza lavorativa: per alcuni (il 16% del campione), esaurire le possibilità di crescita significa che è giunto il momento di cercare altrove.

 

Altrettanto importante è l’ambiente di lavoro: il 44% dichiara che, se le mansioni sono gratificanti e il clima sereno, non ci sono buoni motivi per abbandonare un’azienda. Di contro, solo il 22% afferma che sarebbe pronto a cambiare non appena arrivasse una proposta migliore. Insomma, se le aziende vogliono migliorare i tassi di retention è necessario prima di tutto offrire un ambiente di lavoro accogliente e stimolante, nel quale i neoassunti percepiscano di avere davanti a sé un percorso di crescita.

lavoro


Giocare la carta del business travel

Se per le generazioni precedenti i viaggi di lavoro erano in molti casi un aspetto necessario, per i Millennial sono invece un fattore assolutamente desiderabile – al punto da influenzare le loro scelte in fatto di carriera. Lo dice il 43% degli intervistati, affermando di valutare un’offerta di lavoro anche sulla base delle opportunità di viaggio che offre. Molti ragazzi hanno vissuto esperienze di studio all’estero durante la propria carriera universitaria. Motivo per cui sono abituati a pensare al viaggio come a un’opportunità di crescita e di networking.

 

Sapere di poter girare il mondo anche per lavoro costituisce quindi un valore aggiunto, la promessa di una crescita continua sia a livello professionale che personale. Per chi è alla ricerca di talenti, è buona cosa evidenziare le opportunità di trasferta già nell’offerta di lavoro. In questo modo sarà più facile attirare l’attenzione dei potenziali candidati.

lavoro


La distanza non conta

Dalla ricerca emerge inoltre la grande disponibilità dei giovani a trasferirsi in un’altra città per lavoro. Solo il 2% degli intervistati dichiara infatti di tenere in considerazione la distanza dalla propria città d’origine nel valutare una proposta. Insomma, se un’opportunità è davvero buona, il 98% dei giovani italiani non si fa problemi a spostarsi pur di coglierla.

 

Per questo motivo non avrebbe molto senso, in fase di selezione, privilegiare candidati che già vivono in città. Si rischia di farsi sfuggire talenti che, pur abitando a centinaia di chilometri di distanza, sarebbero pronti a cominciare in tempi altrettanto rapidi. È molto meglio per l’azienda concentrarsi sulle effettive competenze del candidato, perché sono l’unico elemento che farà davvero la differenza.

Pubblicato il 5 dicembre 2017

Più Letti della Settimana

28/02/2017

Indovina chi entra al supermercato

Fare la spesa oggi, in Italia, può essere quasi un rituale o un autentico momento di gratificazion

08/11/2016

Email marketing & eCommerce: la guida per Natale

È alle porte il periodo dell’anno più intenso e potenzialmente più redditizio per chi si occup

12/04/2017

Italia, cresce il gioco online nel 2016: +25 rispetto al 2015

È un settore decisamente in crescita, quello del gioco online. Da qualche anno a questa parte, il

03/11/2016

Nielsen, The Rise of Italian Consumer Confidence

Si posiziona a quota 57 l’indice di fiducia Nielsen dei consumatori italiani, in

17/01/2017

Journey 2020 Digital Shockwaves in Business

Come si evolverà il business da qui a pochi anni? Lo ha svelato Atos nel suo

08/11/2016

eCommerce, From Black Friday to Christmas

Manca poco al Black Friday, tradizione americana ormai sbarcata in Italia da diversi anni, glorific

05/04/2017

BIT Revolution

Si è conclusa ier a fieramilanocity e MiCo Bit - Bo

07/11/2016

Italian Referendum Sentiment

Qual è l’orientamento dei cittadini che usano internet riguardo al referendum costituzionale che

14/04/2017

"Health/Wellness: food as medicine" di Nielsen: in Italia il cibo chiede più informazioni

Che il cibo il Italia, nella grande maggioranza dei casi, sia diventato ben più di un fenomeno di

07/04/2017

Design For Smart Work

Anche il design, la luce, il colore contano. Anche quando si parla di lavoro: un ambiente migliore

MyMarketing.Net
é una testata giornalistica registrata al Tribunale di Milano n. 327 del 10/05/2004 - Un progetto by TVN srl (P.Iva: 05793330969)