stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 18 Settembre 2013

Digital Publishing, The Italian Habits

L'editoria non è più quella di una volta: sempre meno giornali e libri cartacei, largo a iPad e ebook reader. Ma tutte queste nuove tecnologiche opportunità stanno cambiando il modo di vivere degli italiani? Ha provato a rispondere, tramite qualche dato su device e tipologie di letture, IDEOLO, agenzia di new media digitali, tramite un percorso di product reputation management che, oltre ad analizzare le diverse eccellenze dei benchmark internazionali, ha tenuto conto delle abitudini digitali degli italiani.

Più di 17,9 milioni di italiani accedono a Internet attraverso cellulari o smartphone, e oltre i 3,7 milioni navigano sul web dai loro tablet. A prima vista, l’uso in rete di smartphone e tablet non comporta scostamenti di rilievo rispetto alle abitudini consolidate degli utenti 'desktop'. Appare in tutta evidenza la netta prevalenza dei giochi (59,5%), seguiti in ordine di popolarità dalle apps dedicate al meteo (47,1%), all’accesso ai social media (45,3%), alla consultazione di mappe, itinerari e informazioni sul traffico (44,1%), alla catalogazione e manipolazione di immagini (39,5%), alla musica (27,6%) e agli aggiornamenti news di giornali, radio e telegiornali (23,2%).

L’editoria digitale italiana dall’ultimo rapporto dell’AIE in occasione di Editech, conta, a fine dicembre 2012, 60.589 titoli, corrispondenti all’8,3% del totale di quelli in commercio con una incidenza rispetto al cartaceo del 44,6%. I marchi editoriali che producono eBook sono 1.978, ovvero circa un terzo delle case editrici attive in Italia. L’ultimo rapporto Ads evidenzia che  in luglio il quotidiano del Gruppo 24 Ore ha mantenuto il primato nel numero di copie '2.0' vendute (abbonamenti compresi) mediamente ogni giorno: 87.622. Il Corriere della Sera segue con 71.239 copie digitali complessive. Per entrambe le realtà editoriali l'incremento rispetto al mese precedente è stato a doppia cifra: +12,1% per Il Sole 24 Ore e + 14,1% per il Corriere della Sera. Una crescita a doppia cifra, ancora più rilevante di quella dei quotidiani di Rcs e del Gruppo 24 Ore, è stata messa agli atti anche dalla Gazzetta dello Sport: +17 per cento.

“I dati di scenario, per quanto interessanti e utili a individuare i trend del momento, non sono sufficienti a spiegare la complessità del rapporto tra utente mobile e prodotti digitali che determina il successo o il flop di questi ultimi” spiega Luca Zambrelli, CEO di Ideolo. “Ancora oggi il difetto di molti processi di Customer Experience Management utilizzati dalle aziende che operano nei media digitali è non tenere conto di uno degli elementi più critici dell’esperienza dei consumatori, ovverosia la percezione e i feedback dei clienti. Per questo motivo, noi abbiamo sviluppato per il Corriere della Sera un processo che affianca le tecnologie di monitoraggio e survey con una precisa e dettagliata analisi dell'esperienza dei clienti per rendere possibile la valorizzazione delle opinioni dei clienti come risorsa utile e proficua per la crescita del prodotto e quindi del brand.”.

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net