stay

updated!

Vuoi rimanere sempre aggiornato

sulle news di MyMarketing.net?

* Campi obbligatori

Cliccando su "Iscriviti" dichiaro di aver letto e accettato l'Informativa Privacy

stay updated!

Pubblicato: 28 Dicembre 2012

È possibile misurare davvero l’engagement?

Bombardati da sempre più stimoli nel mare magnum della rete, anche lontani dalla propria scrivania, gli utenti hanno accesso a un mondo virtualmente infinito di contenuti digitali.
Aumentano i punti d'accesso, altrettanti touchpoint che, in un gioco di specchi, amplificano la portata di qualsiasi cosa venga dato in pasto alla rete, rendendo ancora più ostica l'effettiva misurazione della portata di una singola attività di comunicazione digitale.

Lontani gli anni della dittatura del clic, adesso è un proliferare di guide all'engagement, questo arci-concetto che significa tutto e al tempo stesso niente sino a quando non è possibile associarlo a una misura, a un numero. Perché nel marketing è sempre meglio che si parli di ciò che si può effettivamente misurare. Proprio per sopperire a una mancanza strutturale degli anni dei social network TNS e Red Cell hanno messo a punto un approccio fondamentalmente nuovo, partendo dai dati raccolti da una serie di studi empirici. Ne abbiamo parlato con Stefano Carlin (nella foto), Business Director TNS che, insieme a Giacomo Pietrogrande, Digital Manager di Red Cell, ha presentato i primi dati in occasione dell'incontro organizzato da Assirm lo scorso 8 novembre su 'Comunicazione e advertising. Il valore strategico della ricerca'.

“Il principio base del nostro approccio è che un individuo esposto ad una forma di comunicazione digitale sarà tanto più coinvolto quanto più salirà una sequenza di scalini a difficoltà crescente immaginando che essi si collochino su un continuum tale da rappresentare una sorta di climax” ha spiegato Carlin. [.].

La sfida è decodificare quali pensieri e quali azioni si nascondono dietro ogni clic. Alla proliferazione di punti d'accesso deve necessariamente seguire altrettante metriche: “Ogni canale di comunicazione digitale attiva driver di engagement diversi e peculiari; ogni confronto normativo deve essere omogeneo per canale” sottolinea Carlin.

In allegato la versione completa dell'articolo

newsletter

* Campi obbligatori

newsletter

* Campi obbligatori

MyMarketing.net